.
Annunci online

ClaudiaCastaldini
iI Blog su Energia e Ambiente
Link

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte


 

 

 

Segui su Twitter

 

 

Segui anche la mia pagina

Facebook

 

 

 

 

 

 

 

partitodemocratico.it

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

legambiente.it

 

legambiente.emiliaromagna.it

 

 

 

 

 

 

 *

 

 

 

 

 

Prezzo giornaliero

del petrolio:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Carbonio:

 

Prezzo carbonio (EU):

16,00 €/tCO2

(11/7/2018)

 

 

 

 

 

 

 

 


*

 

 

Previsione a 1 anno (da fine 2017)

del prezzo del petrolio:

64 $/bbl

 

 

 

 

 

 

Rinnovabili in Italia: contatori GSE

 

gse.it

 

 

 

 

 

 

 

 

Eolico in Italia

 

Potenza installata: 9.300 MW

per circa 17,5 TWh

(dati Gse)

 

 

 

 

 

 

 

 

Solare termico in Italia

 

3,6 milioni m2 di pannelli

circa 3,5 GW termici

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Agenda

 

Martedì 12 dicembre, alle ore 20.30, presso il Circolo PD Passepartout, a Bologna, incontro pubblico "Smog, polveri fini, mobilità e consumi energetici nel nostro territorio". Partecipano: Giovanni Fini, Luciano Forlani, Stefano Mazzetti, Claudia Castaldini, Roberto Giorgi Ronchi, Lina de Troia.

 

Domenica 15 ottobre, alle ore 16.00, presso il Centro "Ex-moduli", a Monte San Pietro (BO), incontro pubblico "Acqua fonte di vita", disponibilità, uso responsabile, cambiamenti climatici. Partecipano Monica Cinti, Barbara Fabbri, Rosario Lembo, Claudia Castaldini, saluti del sindaco Stefano Rizzoli. Con il contributo della comunità francescana "Frate Iacopa".

 

Giovedì 14 settembre, alle ore 17.30, presso il Circolo culturale Cartoleria, Via Cartoleria 18, Bologna, Casadeipensieri presenta: "Clima, dire il problema, affrontare il pericolo". Dialogo di Bruno Carli con Furio Cerutti, conduce Claudia Castaldini, introduce l'incontro Carla Muzzioli Cocchi. (B. Carli, "L'uomo e il clima", ed. Il Mulino).

 

Mercoledì 13 settembre, alle ore 21.00, "Cambiamento climatico e riscaldamento globale: riflessioni politiche e scientifiche". Partecipano, Giovanni Fini, Claudia Castaldini, Michele Giovannini, Stefano Mazzetti. Presso la Festa dell'Unità al Parco Nord, Bologna.

 

Martedì 16 maggio 2017, alle ore 21.00, presentazione del libro "Regole, Stato, Uguaglianza" di Salvatore Biasco. Dialogano con l'autore Francesco Massarenti, Filippo Taddei. Introduce e modera Claudia Castaldini. Presso il Circolo PD Passepartout, Bologna.

 

Giovedì 14 aprile 2016, alle ore 21.00, incontro pubblico "Trivelle: facciamo chiarezza", presso lo Spazio 143, organizzato dal PD di Argelato-Funo. Partecipano: Manuela Bulla, Claudia Castaldini, Elena Gaggioli, Giordano Giovannini, Raffaele Pignone.

 

Lunedì 11 aprile 2016, alle ore 21.00, incontro pubblico "Trivelle: facciamo chiarezza", presso la Sala Aldo Moro di via Rivani 35, Bologna. Partecipano: Elena Gaggioli, Stefano Mazzetti, Claudia Castaldini, Ezio Mesini, Davide Tabarelli.

 

Giovedì 7 aprile 2016, alle ore 20.45, incontro pubblico "Trivellazioni in mare. Verso il referendum", presso la Casetta Rossa, in via Bastia, a Bologna. Partecipano: Stefano Mazzetti, Claudia Castaldini.

 

 

 

 

 

 

 

_____________________

 

 

 

 

 

 

 

 

A proposito di me:

Le mie più grandi passioni: le scienze della Natura e la Natura stessa.

Ho due Lauree, in Fisica (precisamente in Fisica Teorica) e in Astronomia, conseguite all'Università di Bologna, una specializzazione, ed alcune pubblicazioni scientifiche frutto del lavoro svolto in Università. I miei interessi hanno riguardato principalmente aspetti della Teoria dei Campi, e le radiogalassie FR I.

Seguo da sempre le tematiche connesse alla questione ambientale, forse la più importante del nostro tempo per le implicazioni che ha, dall'uso delle risorse ai legami con la povertà e i Paesi in via di sviluppo, dal sistema economico al semplice godimento dell'ambiente naturale.
Nello specifico, mi occupo da anni di politica energetica. Ho pubblicato sul tema alcuni libri, scritto vari articoli su riviste specializzate, oltre a dossier, studi e collaborazioni.
Sono socia della Legambiente, con cui ho collaborato e sono stata membro della Direzione regionale dell'Emilia-Romagna per anni in qualità di Responsabile Energia, occupandomi in particolare di energia e ambiente, di nucleare civile (pubblicando anche un libro sul tema), di questioni legate al disarmo nucleare, degli effetti sulla salute dei campi elettromagnetici. Sono membro del Consiglio di Redazione della rivista Qualenergia.

Faccio attività politica nel Partito Democratico dalla sua nascita.  Sono stata Responsabile Energia e Ambiente dell'Esecutivo del PD di Bologna.  Sono socia e membro del Direttivo regionale dell'Associazione Ecologisti Democratici.

Sono bolognese, ma amo viaggiare, fatto che mi ha portato nel corso del tempo a conoscere bene l'Italia e l'Europa intera.

 

 

 

 

 

 

 *

 

 


 

 

 

 

 

 

Se domani il mondo verrà' distrutto, io oggi pianterò' un albero di mele

 

- Ma. L. King -

 

 

 

 

 

 

*

 

 

 

 

 

 

Scrivere...

 ... di energia, riportare notizie sullo stretto legame energia-ambiente, per favorire la diffusione di una informazione oggi poco estesa, vaga e spesso imprecisa.  La scarsa conoscenza scientifica tipica dell'Italia (che ha ragioni storiche) apre le porte all'incertezza nell'affrontare il tema, ma soprattutto, alla possibilità da parte di chiunque di sostenere le tesi più diverse con scarsa possibilità di essere contraddetto.   La questione energetico-ambientale è forse la principale del nostro tempo e, come tale, deve essere accessibile e pubblica.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Stili di vita

per ridurre il proprio impatto sull'ambiente

 

Acquistare:

prodotti locali, a km zero;
alimenti biologici;
apparecchi ed elettrodomestici a basso consumo;
gli stessi... a batterie solari;
automobili efficienti, a gas, ibride, o elettriche;
appartamenti e case con certificazione energetica

Ridurre:

il consumo di carne, e preferire quella biologica;

l'acquisto di prodotti dall'altro capo del mondo;

il ricorso all'auto privata, preferendo i mezzi pubblici o le nuove forme di mobilità

Non acquistare:

uova di galline da allevamenti in gabbie;
late o carne da allevamenti intensivi
;

i SUV fortemente inquinanti

Non accendere:

numerosi elettrodomestici in contemporanea;

Installare:

termostati;
sistemi di coibentazione efficaci;

Spegnere:

le luci quando non servono;
le lucine rosse (stand-by);
il calorifero quando si superano i 20°
... e staccare le spine alla sera!

Dopo tutto ciò...

richiedere alla propria amministrazione comunale, provinciale e regionale adeguate politiche
di risparmio, efficientamento, e promozione delle tecnologie per le fonti rinnovabili,
mezzi di trasporto collettivo comodi ed efficienti, illuminazione pubblica efficiente e una programmazione energetica che porti a fondare il sistema energetico sulle rinnovabili e sulla piccola generazione distribuita a cogenerazione.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Quando l'ultimo albero sarà stato abbattuto, l'ultimo fiume avvelenato, l'ultimo pesce pescato, vi accorgerete che non si può mangiare il denaro

(attribuita a vari esponenti degli Indiani d'America del XIX secolo)

(molto citata, ma sempre notevole...)

 

 

 

 

 

 

 

*

 

 

 

 

 

 

C'è un ambiente antichissimo, un tempo molto noto almeno nella sua apparenza, che oggi abbiamo perduto:  il cielo notturno. 

 

 

Astronomia

di giugno:

 

Giugno è il mese del Solstizio d'Estate, delle giornate più lunghe, del Sole di mezzanotte alle latitudini più settentrionali. Il Solstizio cade il giorno 21, quando avremo più di 15 ore di luce. La notte in compenso è breve, ma non ci sono problemi con la temperatura esterna, e le costellazioni osservabili sono tra le più belle del cielo, come Scorpione e Sagittario. La Via Lattea è intensa e splendida, ma va osservata con cieli assolutamente bui.

 

Pianeti visibili

(ad occhio nudo):

 

Mercurio

Questo mese è il miglior periodo del 2019 per tentare di osservare Mercurio, sempre abbastanza difficile. Intorno alla metà del mese si trova alla maggior distanza angolare dal Sole, e tramonta ben un'ora e quarantacinque minuti dopo. Lo si può trovare sull'orizzonte occidentale, dopo il tramonto.

 

Venere

La stella più brillante del cielo può essere osservata ad oriente, la mattina prima dell'alba.

 

Marte

Il pianeta rosso si trova dalle parti di Mercurio, basso sull'orizzonte occidentale.
 

Giove

Giove è stupendo: non si può non notarlo oservando il cielo verso Sud-Est. Brillante e di notevoli dimensioni è osservabile per tutta la notte a paartire dalle prime oscurità della sera. Vale sempre la pena di seguire la danza dei suoi satelliti (medicei) al passare dei giorni con l'ausilio di un buon binocolo, o di un telescopio.

 

Saturno

 

Splendido, il pianeta con gli anelli. Lo si può osservare guardando a Sud-Est dopo la mezzanotte. Si trova nel Sagittario.

 

 

 

 

 

 

 

 * 

 

 

 

 

 

 

 

No all'inquinamento luminoso!

Si tratta del fenomeno per il quale è diventato quasi impossibile osservare il cielo stellato a causa dell'illuminazione esterna.

Da sempre, dalla nascita dell'uomo e delle prime civiltà, uno dei contatti con il mondo naturale era proprio quello con il cielo notturno. I moti dei pianeti, di Sole e Luna, l'alternarsi delle stagioni erano in stretto legame con lo svolgersi delle attività umane, e facevano parte anche della vita delle persone comuni, degli agricoltori. Anche gli abitanti delle città erano abituati alla volta celeste stellata, basti pensare che l'Osservatorio Astronomico di una città come Bologna è stato per secoli quello della Specola, presso la sede dell'Università, in pieno centro cittadino.

Ora stiamo perdendo una parte affascinante ed importante del mondo naturale, il cielo notturno appunto, a causa dell'illuminazione esterna che, diffondendo le luci, crea un uniforme bagliore che consente di vedere con difficoltà soltanto le stelle più brillanti. Per vedere una volta celeste naturale occorre ormai andare lontano, in luoghi di montagna (alta, lontano dai paesi di villeggiatura) o di mare aperto.

Questa carenza ha anche un'altra conseguenza: un consumo inutile di elettricità. Infatti, adottando opportune lampade con configurazioni direzionali è possibile ridurre l'elettricità consumata per l'illuminazione dirigendo il flusso luminoso soltanto dove serve, ossia verso il basso. In tal modo si risparmia in bolletta e in consumi di energia elettrica.

Il problema viene affrontato anche da associazioni sorte per "tutelare" il cielo notturno, come Cielobuio.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In Italia si destina alla ricerca scientifica meno dell'1% del Prodotto Interno Lordo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

BlogItalia - La directory italiana dei blog

 

 

 

 

 

 

 

CULTURA
Immenso valore verde (che tale deve rimanere)
9 ottobre 2019
Amazzonia, ancora, e speriamo che parlarne spesso porti davvero ad una maggiore sensibilità e ad una effettiva salvaguardia di un territorio così prezioso e dei suoi abitanti. La foresta più grande del mondo, ricchissima di biodiversità, generatrice di ossigeno e pozzo di carbonio, gigantesco baluardo agli attacchi della modernità (piaccia o no), immenso relitto verde e vivo di una Natura che fu padrona di tutta la Terra, gioiello di famiglia di inestimabile valore lasciato dagli avi ai pronipoti, che possono ora decidere se svenderlo o custodirlo. Indios, o meglio, indigeni bellissimi con i loro copricapi di piume e i volti dipinti, milioni di persone che nella foresta vivono e della foresta vivono, oggi si può dire per scelta. Sappiamo, uomini bianchi, uomini "civili", che esistono le vostre città, che è diffuso ovunque il vostro modo di vivere, che trasformate ogni cosa in valore di scambio e di ogni cosa vi appropriate, ma noi vogliamo vivere con le nostre regole, nella foresta, con i volti dipinti e i copricapi di piume. Vogliamo conoscere il mondo naturale, dove voi senza le vostre tecnologie non sopravvivereste che pochi giorni. E vogliamo farne parte perché esso è parte di noi. 
E' un loro diritto. Un diritto di coloro che in quei luoghi abitano da secoli. Un diritto che viene prima di quello di chiunque di appropriarsi dei territori e delle ricchezze che contengono, ricordando che trarre valore da esse significa distruggerle. Ad esso si aggiunge il ruolo mondiale della foresta amazzonica e di tutte le grandi foreste del mondo, che sovrasta i confini degli Stati e ci riguarda direttamente tutti. Ossigeno, biodiversità, contrasto al riscaldamento globale e al cambiamento climatico, ciclo dell'acqua, mantenimento del suolo.  Foresta dell'Amazzonia e foresta dell'Africa centrale, dell'India, delle isole e penisole del Sud-Est asiatico, foreste dell'Australia, la grande corona verde del mondo, ovvero le foreste boreali che cingono il Nord del pianeta dall'Alaska e Canada, passando per la Scandinavia e attraversando la Russia. Ciascuna con caratteristiche diverse e legami diversi nell'enorme rete di sistemi naturali viventi che struttura la biosfera della Terra. Una rete di cui abbiamo strappato molti fili, sagomato buchi, e che non ci preoccupiamo troppo di rammendare, ma che non è ancora lacerata.

La Foresta Amazzonica ora è anche al centro di un Sinodo organizzato dalla Chiesa Cattolica, voluto da Papa Francesco, e fortemente caratterizzato dai temi ecologici. su cui l'impegno del Papa è sempre vivo. L'Enciclica "Laudato Sì" - al di là del suo significato religioso su cui non ho competenze adeguate - costituisce un chiaro esempio di analisi approfondita dei principali temi ambientali in una chiave attuale e scientificamente fondata. Fra le mille tesi che in essa si possono leggere (e ne consiglio la lettura a coloro che non lo avessero ancora fatto) altrettante se ne possono scegliere per uno spunto, una frase, un suggerimento di riflessione. Una si trova al n. 67 del Capitolo secondo. "Noi non siamo Dio. La Terra ci precede e ci è stata data." Punto. Per coloro che credono il senso è evidente, per coloro che non credono è semplice tradurla nel fatto inoppugnabile che noi non siamo onnipotenti, la Terra ci precede e l'abbiamo ricevuta in eredità. Vogliamo distruggerla e non lasciarla in eredità ai posteri, a coloro che verranno dopo di noi? E se fosse, abbiamo un simile diritto? Si entra qui nell'ambito dell'etica, della nostra responsabilità nei confronti di coloro che verranno, e nei confronti della Natura stessa, che può avere un suo proprio diritto ad esistere. Sono temi profondi che non si analizzano in un post di poche righe, ma che devono indurci a riflettere. 
L'analisi filosofica è la base di tutto, ma uno spirito pratico può aiutare nel frattempo. Salvaguardiamo le foreste finché siamo ancora in tempo, finché non tutto è andato perduto, finché possiamo farlo. Perché ci muovono giustizia, equità, verso il presente e verso il futuro, e un sano istinto di sopravvivenza. L'industria del legno, delle piantagioni estensive, e l'industria della carne (le maggiori minacce alle foreste naturali) vanno regolate ed espressamente vietate dove si intende conservare le foreste così come sono per il presente e per i tempi che verranno. 
Gli indigeni, veri custodi del bosco come alcune indagini scientifiche hanno dimostrato, devono poter vivere seguendo le loro tradizioni. Non tutto è monetizzabile, e soprattutto non tutti vogliono che lo sia. Grazie, popoli della foresta.

SCIENZA
Immagini indiscutibili di un mondo naturale in rapido cambiamento
3 ottobre 2019
Quando le immagini spiegano una situazione con un'immediatezza che certamente le parole non hanno. 
Desta preoccupazione il ghiacciaio Planpincieux, sul versante italiano del Monte Bianco, che si sta frantumando mentre scivola a valle con una notevole velocità. I ghiacciai, e non solo sul Monte Bianco, si stanno sciogliendo. Si tratta di un fenomeno noto da anni, da quando cioè la temperatura media globale sta crescendo, determinando una serie di conseguenze fra cui lo scioglimento dei ghiacciai in tutto il mondo. Sul sito NOAA (National Oceanic Atmospheric Administration, degli USA) una breve spiegazione correda immagini chiarissime, come quelle in basso. La perdita di massa dei ghiacciai mondiali per liquefazione equivale ad una ventina di metri in meno, ed è la causa principale dell'aumento del livello del mare. La perdita dei ghiacciai è una seria minaccia agli equilibri ecologici, agli ecosistemi montani, all'approvvigionamento dell'acqua ad uso umano. All'interno dei ghiacciai si trovano composti vari che vengono progressivamente rilasciati in atmosfera dalla fusione del ghiaccio. L'intero ciclo dell'acqua è destinato a cambiare e a farlo per sempre se non riusciremo a smettere di riscaldare l'atmosfera bruciando carbone, gas e petrolio, per lasciare definitivamente sotto terra le quantità rimaste.

L'area del Pedersen Glacier, ad Aialik Bay nelle Kenai Mountains, in Alaska, in una foto del 1917 a sinistra, e del 2005 a destra.
Il grafico più in basso mostra l'andamento della massa totale dei ghiacciai sulla Terra dal 1980 ad oggi. La curva mostra chiaramente una maggiore inclinazione negli anni duemila, indicando che lo scioglimento non è costante, ma aumenta nel tempo.







Il sito del NOAA:

https://www.climate.gov/news-features/understanding-climate/climate-change-glacier-mass-balance

SOCIETA'
Ed ora anche l'Amazzonia
24 agosto 2019
Si legge sul sito dell'ANSA, all'indirizzo riportato in calce: "Il fumo prodotto dagli incendi che stanno devastando l'Amazzonia in questi giorni è ben visibile dallo spazio e a catturarne le immagini, il 20 e 21 agosto, sono stati il satellite Sentinel 3, del programma europeo Copernicus, e il satellite Suomi della Nasa. 
La foto di Suomi  mostra il fumo e gli incendi che si estendono per diversi stati brasiliani, tra cui quelli di Amazonas, Mato Grosso, e Rondonia. (...) Le colonne di fumo che si alzano dalla foresta sono bene evidenti anche nelle immagini scattate dal satellite Sentinel 3, del programma Copernicus gestito da Agenzia Spaziale Europea (Esa) e Commissione Europea."

La foto parla da sé. E purtroppo va ad aggiungersi agli incendi che hanno distrutto questa estate  oltre 5 milioni di ettari di foresta in Siberia, agli incendi in Alaska, o alle Canarie dove sono state evacuate 8.000 persone. Temperature più elevate dovute al cambiamento climatico, siccità e aridità dei suoli, favoriscono incendi che sono praticamente sempre intenzionali, causati cioè volutamente da persone che hanno interessi economici in gioco. L'incendio per cause naturali è un evento molto raro, e non avviene mai in più punti contemporaneamente. Alla lista dei disastri si aggiunge ora forse la più preziosa delle foreste rimaste al mondo, l'Amazzonia. Si tratta di un bene prezioso perché insostituibile, una foresta tropicale primaria, cioè mai tagliata dall'uomo, ricca di biodiversità, fonte di ossigeno e "pozzo" di carbonio, come si dice, cioè capace di  assorbire composti inquinanti e climalteranti. La foresta pluviale amazzonica è sempre naturalmente ricca di umidità, e questo le impedisce di bruciare da sola. Gli incendi sono appiccati volutamente.
Ora, bruciando, il carbonio che ospitava viene immesso nell'atmosfera, liberato cioè dalla combustione della vegetazione, mentre l'assenza della vegetazione stessa comporta la mancanza della capacità di assorbimento dei gas nocivi e un depauperamento dei suoli. Proprio all'importanza di una corretta gestione del territorio e del terreno nella lotta al cambiamento climatico è stato dedicato l'ultimo Rapporto IPCC (vedi il post precedente). 
Si stima che la foresta amazzonica sia già stata ridotta del 15% rispetto alla sua estensione originale. Di questo 15%, almeno l'80% è stato causato dalle imprese degli allevatori di bestiame, allo scopo di ricavare territorio utile all'allevamento dei bovini. Una parte significativa dell'offerta globale di carne bovina, compresa buona parte della carne bovina venduta in scatola in Europa, proviene da territori disboscati che un tempo facevano parte della foresta pluviale amazzonica. Questa è una delle ragioni per cui cambiare regime alimentare riducendo il consumo di carne può essere utile alla conservazione dell'ambiente.
Non va dimenticato il fatto che le foreste ospitano popolazioni umane. Oltre al pericolo a cui sono esposte per la perdita del loro ambiente di vita, numerosi studi indicano che le pratiche di gestione indigene sono il metodo migliore per mantenere in salute le foreste pluviali tropicali. Dunque, gli indigeni vanno protetti, e con loro la foresta, mentre sono continuamente a rischio della propria stessa vita. 

Politicamente, l'apertura del Presidente del Brasile Bolsonaro al disboscamento è un danno che rischia di coinvolgere tutti noi. In realtà, andrebbe rivisto lo stato giuridico internazionale di aree così importanti e così delicate: non può essere permesso di distruggerle sulla base del fatto che si tratti di territori interni a Paesi sovrani. Il tema è delicato, ma dovrebbe essere affrontato dalla comunità internazionale. L'Amazzonia, la Groenlandia (che il Presidente USA Trump voleva acquistare dalla Danimarca) così come l'Antartide, o l'Artico, inclusi parte dei territori siberiani e canadesi, sono di noi tutti, sono le ultime grandi aree naturali del pianeta e sono indispensabili al mantenimento di condizioni naturali vivibili per tutta l'umanità, e vanno tutelati in quanto tali.
Il Presidente francese Emmanuel Macron ha fatto bene a porre il problema degli incendi in Amazzonia con chiarezza e chiedere che venga inserito nell'agenda del prossimo G7, e l'Unione Europea ha fatto bene a sostenere l'iniziativa. Non c'è più tempo, le sottigliezze sono superate dai fatti da anni. Gli incendi vanno spenti, ma soprattutto, non vanno sostenuti coloro che li appiccano per i propri interessi economici, contro il bene comune.
  
La foto descritta e il brano riportato si trovano al seguente indirizzo:

POLITICA
Cambiare si può
1 agosto 2019
Sta cambiando qualcosa, con il nuovo governo, in Italia? Sì e no. L'economia è ferma, l'occupazione lo è quasi, le promesse ambientaliste dei 5 stelle restano in attesa, nulla di veramente nuovo sulle politiche legate al grande tema del cambiamento climatico, nelle città del nostro Paese interi quartieri sono fatti propri dalla malavita in particolare legata allo spaccio di droga, come mostrano le cronache, la questione migranti - che sul piano numerico mostrava già un forte calo degli arrivi in precedenza - resta una questione ben lontana dall'essere risolta, la nostra posizione nel contesto europeo e nel quadro internazionale è più che mai marginale. 
Ma qualcosa sta cambiando. Sta prendendo il sopravvento una cultura politica di destra (chi ne sa più di me in proposito deciderà se si tratta invece di una forma di sottocultura) chiusa, individualista, verbalmente aggressiva, di facile o quasi immediata comprensione, superficiale, nemmeno troppo riferibile ai canoni della destra classica se non nelle sue inevitabili radici. Le radici però sono meno esposte e perciò meno riconoscibili. Fra un selfie e l'altro, fra una chiacchierata social e l'altra, fra una moto d'acqua e l'altra, un passo alla volta, ci si appropria del Paese. 
Del Paese e del suo modo di essere. Una cosa che non è mai riuscita alla sinistra, che è stata sempre abilmente attaccata in via preventiva di tenere in mano una presunta fetta prevalente della cultura del Paese - che non era vero - ed ora perde anche la quota che aveva - il che è vero. Il mantenimento delle diseguaglianze nel mondo peraltro richiede un appoggio della pubblica opinione, e se un tempo si trattava di settori della popolazione all'interno del Paese, ora si tratta di popolazioni altre, straniere, che vivono nel Sud del mondo. Non sono certo sparite le iniquità interne, ma sono assai minori di un tempo e soprattutto sono facilmente indirizzabili verso presunte responsabilità straniere, genti di culture diverse e aspetto diverso. Si sposta l'obiettivo per mantenere un sistema.
I campi da arare provengono direttamente dai vent'anni, o più, precedenti, e Salvini ringrazia coloro che hanno provveduto a spalancare le porte delle possibilità. Opportunità politiche da cogliere.
Il Partito Democratico - ora davvero l'unico baluardo alla deriva - dovrebbe al più presto operare per definire una linea politica chiara, posizioni che lo siano altrettanto su temi centrali, che consentano di recuperare almeno una forma di identità riconoscibile e una forza di affermazione delle proprie idee che da (troppo) tempo mostra di non avere. 
Se i massimi sistemi richiedono tempo e impegno non comuni, una modalità semplice e diretta, una linea propositiva, una chiarezza d'intenti sono invece alla portata. I prossimi appuntamenti saranno focali, fra cui le elezioni regionali in un territorio da sempre importante per la sinistra, l'Emilia Romagna. Fra pochi mesi si decide la data precisa. Si tratta di una regione ben governata, ma governare bene non basta se altri stanno costruendo la cultura politica di un Paese basandola su pilastri totalmente diversi. L'incapacità di comunicare chi sei, perché tu sei "altro", e da dove deriva la tua alterità può fare affondare la migliore delle navi, un Titanic imprevisto quanto invece prevedibile. 
Un tempo si diceva che la sinistra non sa comunicare, e non sa usare la rete, ora appare non molto distante da quelle posizioni con i messaggi troppo spesso carenti di spontaneità o fissati sulle difficoltà interne al governo attuale. Credo che vada ripreso il filo della tessitura con altre modalità che non la costruzione di brevi trame critiche. Credo che vadano date risposte politiche chiare alle migliaia di giovani che manifestano per la tutela del clima e contro il riscaldamento globale, chiedendo interventi concreti ed efficaci. Credo che vada costruita una posizione sul fenomeno migranti che arrivi ad interpretarne le cause e non soltanto a cercare metodi di gestione, pure indispensabili. Per non parlare della precarietà in cui troppi sono immersi a causa del lavoro che svolgono o della necessità urgente di orientare lo sviluppo economico verso criteri di sostenibilità ambientale. Da troppo tempo stiamo aspettando, ed il tempo è una variabile in gioco.



CULTURA
Il valore del bosco
15 giugno 2019
Da un lato, disboschiamo, dall'altro rimboschiamo; forse non amiamo la vegetazione naturale e preferiamo quella piantata da noi. Infatti, mentre purtroppo procede il taglio delle foreste vergini a ritmi preoccupanti, stanno avendo fortunatamente un certo successo iniziative di piantumazione di alberi in zone difficili sia dal punto di vista climatico, sia dal punto di vista dello stato del suolo. Si tratta di iniziative bellissime che possono avere conseguenze molto valide.
Una di queste iniziative riguarda l'Africa, dove le numerose difficoltà che affliggono molte aree del continente includono l'estensione progressiva delle zone aride e del deserto. In molte aree questo significa la perdita dell'economia tradizionale, accompagnata da lesione significativa della struttura sociale e dell'assetto territoriale. Esistono diversi movimenti finalizzati ad arginare il fenomeno, uno di questi è la Great Green Wall, la Grande Muraglia Verde, che ha lo scopo di costruire letteralmente un muro di vegetazione, lungo ben 8.000 chilometri, che attraversa tutto il continente. Come si legge sul sito dedicato all'iniziativa "una meraviglia" naturale. Finora è stato realizzato il 15% dell'intera opera, ma l'obiettivo è completarla per ridare respiro alle aree più degradate, consentire l'agricoltura, aprire alla possibilità di restare in un territorio che un tempo forniva un ambiente vivibile. Ora, il cambiamento climatico con l'aumento delle temperature e le modifiche al ciclo delle piogge sta rafforzando i processi di inaridimento, estendendo le aree aride o desertiche, influendo sulla presenza della fauna locale. Un'opera che, se completata, potrà influire sul continente africano e sull'intero pianeta, data l'estensione che la renderebbe la più grande formazione vivente del pianeta. 

Si legge su Le Scienze (numero di aprile 2019, articolo "L'ultima speranza" di Richard Conniff)): 
"Per limitare il riscaldamento globale a 1,5 °C, durante questo secolo le nazioni dovranno eliminare dall’atmosfera della Terra 1000 miliardi di tonnellate di anidride carbonica già emessa. Trovare la combinazione perfetta tra i metodi di cattura del carbonio sarà essenziale. I macchinari che estraggono CO2 dall’aria potrebbero eliminare 250 miliardi di tonnellate entro il 2100. Ripiantando le foreste disboscate si potrebbe arrivare a 180 miliardi. I costi netti vanno da 0 a 300 dollari per tonnellata. A meno che si sviluppino grandi mercati per usare la CO2 catturata, il sostegno migliore a queste tecniche potrebbe basarsi su una carbon tax". La ricerca propone un insieme di soluzioni di cui la riforestazione costituisce una parte rilevante, insieme a vari metodi di cattura e stoccaggio del carbonio, biochar, degradazione meteorica potenziata, e fertilizzazione degli oceani. 
La riforestazione deve innanzitutto svolgersi in un contesto in cui si proteggono le foreste attuali, di cui una parte ancora primarie, ma l'articolo ci ricorda che questo obiettivo necessita di una riforma del mercato internazionale del legname e delle tecniche di gestione delle foreste. 

Tutto ciò è verissimo e molto interessante, ma a monte di ogni analisi c'è qualcosa di imponderabile senza il quale tendenzialmente non si interviene come si dovrebbe, ed è la componente emozionale. Difendiamo ciò che amiamo, e se non amiamo la foresta non la difenderemo, forse fino alle estreme conseguenze. Una donna che è riuscita ad unire cuore e difesa degli alberi è Wangari Maathai.

Wangari Maathai è stata un'ambientalista, attivista politica e biologa keniota che ha fondato il Green Belt Movement, un movimento ecologista a cui persone comuni hanno preso parte piantando decine di milioni di alberi in Kenia. Nel 2004 è stata la prima donna africana ad aver ricevuto il Premio Nobel per la Pace per «il suo contributo alle cause dello sviluppo sostenibile, della democrazia e della pace". Il suo approccio andava oltre la concreta situazione che si è trovata ad affrontare, entrando nell'ambito filosofico e religioso dove ha saputo costruire - o ri-costruire - il senso di un legame fra tutte le cose e le persone, rendendo tangibile la forza dell'appartenenza e la capacità di incidere sui processi in corso. "L'esperienza e l'osservazione mi hanno fatto capire che la distruzione del pianeta si estende anche all'umanità: se viviamo in un ambiente ferito, anche noi subiamo ferite fisiche, psicologiche e spirituali. Degradare l'ambiente significa degradare noi stessi e tutto il genere umano. Ma è vero anche il contrario: aiutando la Terra a guarire, aiutiamo noi stessi." (tratto da Maathai, "La religione della Terra"). Piantare alberi, o apprezzare quelli che ci sono, come terapia per il pianeta e per noi stessi. 

Un tempo anche noi "occidentali" avevamo i nostri "boschi sacri", che lo spirito moderno ha cancellato. Si leggono analisi in proposito, c'è chi sostiene che la colpa sia da attribuire alla modernità ed al suo spirito scientifico e tecnico, c'è chi sostiene invece che la maggior responsabilità sia nelle nostre tradizioni religiose che non hanno mai attribuito la giusta importanza alla natura, c'è chi vede nel sistema economico fondato sul capitalismo la radice di un metodo diffuso di rapina dei beni comuni, come ovviamente sono i beni naturali. Probabilmente tutti possiedono una parte di verità. Ma oggi, e guardando al domani, forse uno spirito nuovo potrà unire natura e cultura, ambiente e scienza, alberi e umani, animato dalla volontà di conservare un pianeta Terra vivibile e bello. Una filosofia di vita adeguata a membri di una comunità, quali siamo, e non più da predatori di risorse sempre più limitate e fragili.

Nei siti riportati di seguito si trovano notizie in più:

https://www.greatgreenwall.org/about-great-green-wall

http://www.greenbeltmovement.org


ECONOMIA
Emissioni in crescita nel mondo (ma con alcune eccezioni)
28 marzo 2019
Altro che riduzione delle emissioni climalteranti a salvaguardia del sistema climatico, le emissioni crescono eccome, stando agli ultimi dati dell'IEA (International Energy Agency), pubblicati nel Rapporto "Global Energy & CO2 Status Report. The latest trends in energy and emissions in 2018". 
Risulta infatti che le emissioni globali di CO2 sono cresciute dell'1,7%  nell'anno appena trascorso, raggiungendo il picco storico di 33,1 Gt, vale a dire oltre 33 miliardi di tonnellate di anidride carbonica immesse nell'atmosfera. Tutti i combustibili fossili hanno contribuito a questa crescita, attribuibile per i due terzi al settore della produzione di energia. Tale crescita è dovuta per l'85% a tre Paesi, la Cina, l'India, e gli Stati Uniti, ed è stata generata da un aumento della domanda di energia. Al contrario, in Paesi come la Germania, il Giappone, il  Messico, la Francia e il Regno Unito le emissioni sono diminuite.

Alla base della crescita delle emissioni inquinanti nel mondo c'è stato un forte aumento del consumo di energia, del 2,3%, quasi il doppio dell'incremento medio dal 2010, generato a sua volta dal buono stato dell'economia globale e dal diffondersi localmente di mezzi per il riscaldamento e il raffreddamento. La domanda è cresciuta per tutte le fonti, soprattutto per il gas naturale con il 45%, mentre il vettore principe è ovviamente l'elettricità. La famosa efficienza energetica resta nell'ombra.  Le centrali di produzione di energia alimentate a carbone continuano ad essere le maggiori sorgenti di emissioni climalteranti.

Si è detto della buona performance dell'economia globale - fatto che dal nostro Paese non appare evidente - con una crescita del 3,7%  dovuta prevalentemente ai 3 Paesi menzionati sopra che hanno inquinato di più: Cina, India, Stati Uniti. Questo fatto testimonia che, nonostante se ne parli da anni, il disaccoppiamento fra la crescita economica e la produzione di sostanze inquinanti derivanti dalla combustione non è ancora avvenuto. Qualcuno ricorderà che se ne era parlato in tempi recenti, nel 2015 per l'esattezza, con dati proprio dell'IEA che avevamo commentato in un post datato 18 marzo 2015.  All'epoca le emissioni erano rimaste invariate a 32,3 miliardi di tonnellate rispetto all'anno precedente (il 2014) nonostante la crescita economica. A livello italiano il mese scorso ne ha parlato anche l'Ispra, presentando dati abbastanza positivi. Ma se a livello mondiale siamo passati in pochi anni da 32,3 a 33,1 Gt è chiaro che qualcosa non ha funzionato nel tentativo di portare la crescita economica sulla strada delle rinnovabili e dell'efficienza, sganciandola dai combustibili fossili. Hanno matematicamente ragione i giovani e Greta Thunberg a protestare. Cifre alla mano. La strada per la decarbonizzazione dell'economia è un percorso difficile in sé, non è accettabile che non venga rispettato. Se le cifre sono queste, servirà ben altro che l'Accordo di Parigi per tracciare il solco di un percorso virtuoso. 
Il ruolo degli Stati Uniti in tutto ciò ha la sua peculiare importanza: infatti si tratta dell'unico grande Paese sviluppato e dotato di tutte le possibilità, tecnologiche e finanziarie, per cambiare le basi su cui si fonda lo sviluppo che continua, salvo ancora limitate eccezioni locali, ad inseguire la via più tradizionale allo sviluppo, incuranti dell'inquinamento che causano a livello mondiale, tendenza ancora più marcata sotto la Presidenza Trump. La responsabilità che hanno in questa fase non è certo marginale.

La più virtuosa resta, ancora una volta, l'Europa. Nonostante una crescita economica dell'1,8% - dato che non riguarda l'Italia, evidentemente - la domanda di energia è aumentata soltanto dello 0,2%. Che stia avvenendo qui il disaccoppiamento? Può darsi, visto che, nonostante mille difficoltà e ritardi, l'UE resta il luogo dove si fanno davvero politiche per ridurre gli impatti ambientali del consumo energetico, e si ottengono risultati concreti. La crescita della domanda in Europa in termini di energia primaria ha riguardato per la maggior parte le fonti rinnovabili, mentre il ricorso al carbone continua a diminuire. Le disomogeneità al suo interno non impediscono di raggiungere risultati nel complesso interessanti, e di porsi obiettivi performanti. Il futuro non può che costruirsi su un modello fatto di minori consumi, minori emissioni, maggiore efficienza  e rinnovabili.
Le tendenze antieuropeiste che serpeggiano nella politica rischiano di invalidare anche questi benemeriti risultati. Aggiungiamoli alla lista, lunga, dei benefici dell'Unione quando andremo a votare il 26 maggio prossimo, magari insieme alle significative immagini delle proteste e dell'impasse in cui si sono infilati gli inglesi nel tentativo incredibile nella sua assurdità di uscire dall'Unione Europea.

L'intero Rapporto dell'IEA può essere scaricato al seguente indirizzo:

https://www.iea.org/geco/

POLITICA
Il Partito Democratico può ripartire - e tutti noi possiamo, venerdì 15 marzo
10 marzo 2019
C'è una prima considerazione evidente. Ora il Partito Democratico può ripartire. L'affluenza alle primarie è stata alta, superiore alle aspettative in questa fase difficile per il partito - possiamo dire di averlo felicemente previsto qui - ed il risultato è stato nettamente in favore di Nicola Zingaretti. Se questo è il momento, come lo sono tutti i momenti di crisi, di partire con un progetto nuovo Zingaretti ha una responsabilità molto grande, parzialmente alleggerita dal nostro aiuto che inizia sinceramente con l'augurio di buon lavoro. 
Per parte mia, spero davvero che si inizi un percorso per costruire un partito di sinistra moderna, capace di accogliere le istanze di oggi, di elaborarle per cercare risposte, capace di apertura e confronto, centro del ricamo sulla tela ormai strappata e logora della cultura progressista e di sinistra. Le questioni in campo sono enormi, diseguaglianze vecchie e nuove, diritti, la gigantesca questione ambientale che ancora troppo frequentemente cozza contro i canoni dell'economia tradizionale, l'automazione nel lavoro, la digitalizzazione, la globalizzazione, la finanza, la giustizia, un mondo che cambia più velocemente di quanto la politica (e il legislatore, l'amministratore) riesca a fare. Veloce più dei tempi dei congressi del PD, va detto. 
Zingaretti dovrà saper trovare strade per fare tutto questo. Strade che siano "nuove" perché, va detto anche questo, il timore che aleggia è quello di un ritorno al passato, che sarebbe la via più sicura per finire tutto quanto e andarcene a casa. Spero di no, pensando con un certo grado di fiducia che sappia distaccarsi quanto basta dal proprio passato per interpretare modi e sentire dell'oggi senza perdere le indispensabili radici.

L'attuale governo, che non sa decidersi se essere di destra o indefinibile, è lo specchio efficace del vuoto lasciato dai partiti tradizionali - e si sa che se si lascia un vuoto in politica poi arriva qualcuno a riempirlo. Il conflitto in Emilia Romagna fra governo locale e nazionale sta coinvolgendo principalmente il piano di infrastrutture localmente disegnato, a cui risponde il governo nazionale con modi e contenuti fumosi e incoerenti. La manifestazione in favore delle nuove strade previste dal progetto si è poi trasformata in un convegno, assai più appropriato, tenuto sabato 9 marzo al Palazzo dei Congressi di Bologna, con grande partecipazione. Vedremo gli sviluppi di una contesa che assume sempre più i toni di un contrasto politico invece che di un confronto nel merito delle questioni. 

Un momento particolarmente importante capiterà il prossimo venerdì 15 marzo, giorno in cui si terrà uno sciopero con manifestazioni in tutto il mondo per richiamare l'attenzione sul tema del cambiamento climatico che rischia di stravolgere i cicli naturali della Terra, e di tutti quanti noi che ci viviamo sopra. E scusate se è poco. Possiamo definirlo un evento epocale. Speriamo che la partecipazione sia adeguata - quando si tratta di temi ambientali è difficile far previsioni - superiore agli studenti che l'hanno indetto meritoriamente, estesa al punto da portare un cambiamento. Un cambiamento necessario, si può dire indispensabile, del modello di sviluppo. Che non significhi tornare indietro, e nemmeno continuare ad andare avanti verso il baratro. E' necessaria un'elaborazione alternativa, e se non è un tema politico questo non so cosa lo sia. Appuntamento dunque da non mancare venerdì 15 marzo. Possiamo ripartire tutti da lì, per far sentire la propria voce a salvaguardia di quanto abbiamo di più prezioso, la Natura terrestre e la sua ricchezza.

POLITICA
Ennesimo allarme sul clima (che dovrebbe sortire qualche effetto)
23 novembre 2018
E' uscito il nuovo rapporto dell'Organizzazione Meteorologica Mondiale (World Meteorological Organization, WMO) ed è un nuovo allarme: stiamo distruggendo l'ambiente dell'intero pianeta e alterando il clima in modo e con velocità tali che rischia di diventare un processo irreversibile. 

Il tema è gravissimo, ma sembra fuori dal dibattito politico italiano, come al solito. Sui siti dei principali quotidiani si fa fatica a trovare la notizia, su Televideo si trova nella pagina delle "culture", ma soprattutto, nessuna intervista politica inizia con questo enorme, gravissimo, problema. Come se non ci riguardasse. Si tratta di un tema nel tema, ovvero, come fare comunicazione ambientale e comunicazione politica ambientale in modo tale da incidere sugli schemi prevalenti, modificando gli stili più diffusi. 

Il WMO Greenhouse Gas Bulletin ci informa sostanzialmente che i gas serra in atmosfera continuano a crescere, ed anche le ultime misure hanno raggiunto un nuovo record. La concentrazione globale media di biossido di carbonio ha raggiunto 405,5 parti per milione (ppm, unità di misura della concentrazione di un gas in atmosfera; per farsi un'idea, in epoca preindustriale era di circa 280 ppm), in continua crescita negli ultimi anni nonostante le regole introdotte nel corso del tempo e gli accordi a protezione del sistema climatico. Il metano e gli ossidi di azoto fanno lo stesso. I livelli di calore - si legge sul sito all'indirizzo in calce - intrappolati nell'atmosfera hanno raggiunto nuovi picchi e la tendenza non mostra segni di inversione. Questo comporterà un cambiamento climatico a lungo termine, con innalzamento del livello del mare, acidificazione degli oceani, fenomeni atmosferici estremi. Il potenziale di riscaldamento sul clima (total radiative forcing) è aumentato del 41% rispetto al 1990. I grafici che il Bulletin riporta sono estremamente eloquenti.

Si tratta di quote elevatissime, su cui occorre intervenire tempestivamente. Un altro parametro fondamentale infatti è il tempo: la riduzione delle emissioni inquinanti deve avvenire nel giro di pochi anni, se vogliamo evitare di oltrepassare il punto di irreversibilità. 
Le emissioni di CO2 devono raggiungere il livello zero al 2050 se intendiamo rispettare l'Accordo di Parigi e restare sotto 1,5 gradi di incremento della temperatura, secondo il rapporto WMO. Zero sul piano mondiale è una quota che richiede un impegno grandissimo. Probabilmente, sarà necessario intervenire con operazioni di rimozione del biossido di carbonio dall'atmosfera come molti studi suggeriscono. 
Dunque, non si tratta più di scegliere se fare lo sviluppo sostenibile, ma di come fare lo sviluppo sostenibile. Il tema è così pregnante che richiede uno sforzo comune, per il benessere umano, per lo stato degli ecosistemi, per l'agricoltura, per il futuro stesso dell'umanità.

Per avere maggiori informazioni, ci si può collegare al sito WMO al seguente indirizzo.

https://public.wmo.int/en

POLITICA
Smettiamola di dare potere a coloro che non credono nella scienza
5 novembre 2018

Caro Ministro Salvini,

il tuo Governo ha rifiutato i soldi BEI, ottocento milioni destinati a opere contro il dissesto idrogeologico, per non ricevere prestiti dall'Unione Europea, ha programmato un condono edilizio ad Ischia, mentre tu e la Lega avete sempre sostenuto una visione superata di sviluppo invasivo del territorio, ed ora ci vieni a parlare con superficialità dell'"alberello" e del "torrentello", magari immortalati da un bel selfie sorridente, mentre il più grave uragano mai visto in Italia fa danni enormi proprio per l'incuria del territorio, per le costruzioni abusive in aree fluviali, per i cambiamenti del clima in atto che porteranno il nostro Paese ad essere sempre più esposto sul piano idrogeologico, della salute e dell'incolumità dei cittadini.

Dal salotto in cui mi trovavo in qualità di ambientalista (per coloro che non lo sanno, parole sue) ho potuto osservare bene la tua insipienza teletrasmessa, certamente più da bar che da salotto, che mostra che sarebbe ora per tutti di seguire una semplice esortazione: "smettiamola di dare potere a coloro che non credono nella scienza" (H. Ford, Global Climate Action Summit 2018). A partire da tutti coloro - includendo anche il PD, eventualmente - che non credono nella prioritaria necessità di promuovere politiche ambientaliste conseguenti le risultanze scientifiche e tecniche sul dissesto idrogeologico, il consumo di suolo, la scomparsa delle aree naturali e della biodiversità, il cambiamento climatico. 

Le chiacchiere al bar vanno benissimo si intende, qualora non ci si prefigga di andare a governare con esse, caro Ministro. 


SCIENZA
Caldo artico
4 ottobre 2018
Se pensavate che la scorsa estate fosse stata più fresca, e che in fondo il riscaldamento globale che affligge la Terra fosse in realtà nelle descrizioni un po' esagerato, guardate questa grafica per ricredervi. Essa rappresenta l'Europa, ed i colori descrivono gli scarti delle temperature dalla media del periodo.
Dalle nostre parti in effetti gli scostamenti sono stati piuttosto bassi, ma questo è accaduto perchè il Nord Europa ha ricevuto più calore che mai. Un'estate caldissima sopra il Circolo Polare Artico, con picchi sopra i 30°C, siccità nei campi, incendi nei boschi. L'ondata di calore che quest'anno ha colpito il Nord è impressionante (e preoccupante).
Gli scostamenti dalla media nelle varie zone sono espressi in gradi Fahrenheit, più piccoli dei Celsius (la scala dal punto di congelamento dell'acqua al punto di ebollizione è divisa in 180 parti invece che in 100). Il grafico è stato infatti elaborato dal NOAA statunitense, e maggiori informazioni si possono trovare all'indirizzo in calce.




https://www.climate.gov/news-features/event-tracker/hot-dry-summer-has-led-drought-europe-2018


POLITICA
Una lunga estate calda (di fuoco)
24 settembre 2018
Gli incendi hanno devastato la Grecia in modo drammatico quest'anno. In una zona non lontana da Atene, nell'Attica orientale, il fuoco ha devastato il territorio come una piaga biblica, lasciando vittime e dolore, cenere e macerie. Il bilancio è quello di una catastrofe enorme e drammatica, con 94 vittime e una ventina di dispersi, danni ingenti ai paesi, boschi, coltivazioni.  
In Svezia, un'estate calda e secca ha favorito incendi che hanno devastato le foreste. Le cronache ci dicono che oltre 80mila ettari di foreste sono bruciate in Siberia. 
Secondo uno studio pubblicato lo scorso anno sulla rivista Scientific Reports, nei prossimi decenni il rischio di incendi boschivi nell'area Mediterranea potrebbe aumentare a causa di condizioni climatiche più aride. La ricerca, condotta dall’Istituto di geoscienze e georisorse del Consiglio nazionale delle ricerche (Igg-Cnr), l'Università di Barcellona, di Lisbona e della California a Irvine, ha sviluppato dei modelli matematici che prevedono con buona affidabilità la frequenza e l'estensione degli incendi boschivi.

I picchi di calore, per parte loro, non scherzano ed hanno colpito l'intero pianeta. Il Giappone ha classificato un'ondata di calore nell'estate appena trascorsa come disastro naturale. Nella notte del 7 luglio la temperatura a Los Angeles non è scesa sotto i 26,1 gradi.  A Quriyat, una località dell'Oman, in un giorno di luglio la temperatura minima è stata di 42,6 gradi.   Nella Lapponia finlandese il 18 luglio scorso il termometro ha toccato i 32,1 gradi, circa 12 gradi in più della media che caratterizza il mese da quelle parti. Senza fare confronti estremi, nel nostro piccolo siamo nella terza decade di settembre e fa ancora 30 gradi, in Italia, mentre in queste ore un enorme rogo sta distruggendo colline e minacciando abitazioni vicino a Pisa.

In effetti non fa piacere redigere questa specie di bollettino di guerra, ma in fondo è il destino degli ambientalisti e di tutti coloro che di ambiente in un modo o nell'altro si occupano. Va detto subito che praticamente tutti gli incendi sono dolosi, l'elevata temperatura può favorirli ma non innescarli. La combustione naturale è un fenomeno estremamente raro, di solito stimato in meno dell'1% dei casi, che può accadere per tre ragioni: i fulmini, le eruzioni vulcaniche, l'autocombustione. Eccettuato i primi due casi che hanno carattere specifico, l'autocombustione è quasi impossibile che si verifichi viste le alte temperature richieste, dell'ordine di 200-300 gradi o più. Dunque gli incendi sono appiccati dall'uomo, per varie ragioni che vanno dalla disattenzione al vero e proprio disegno criminale. Su questo aspetto occorre puntare l'attenzione innanzitutto con interventi di prevenzione, poi con interventi diretti, e con sanzioni severe agli incendiari accertati.

La situazione descritta, ora è aggravata dal riscaldamento globale che ha generato ormai da tempo un cambiamento del clima che può favorire il persistere degli incendi, anche nelle zone in cui le condizioni naturali locali portavano ad un rapido spegnimento. Diminuzione della frequenza delle piogge, allungamento dei periodi siccitosi, suoli più aridi, estati più lunghe, temperature più alte, innalzamento della temperatura che per complesse ragioni interessa particolarmente le regioni artiche e la Siberia sono cambiamenti dell'ambiente che alimentano l'incendio invece di concorrere ad arrestarlo. 
Se in Scandinavia un tempo scoppiava un incendio non passavano molte ore prima che arrivasse la pioggia a spegnerlo. Ora può diffondersi liberamente per giorni e giorni. Gli arbusti e il sottobosco densi di umidità difficilmente venivano aggrediti dal fuoco, mentre accade il contrario alla vegetazione secca. 
Alla base, ritroviamo sempre il cambiamento climatico innescato dalle attività umane, che va arrestato con un impegno collettivo globale. Nulla è più globale, nulla è più collettivo di questo problema. L'accordo di Parigi va concretizzato in tempi brevi, reso effettivo e capace di discriminare ed emarginare tutte le pratiche non sostenibili, più dannose che utili. Restare al di sotto dei 2 °C di incremento di temperatura globale media - o di 1,5°, come auspicato - non è molto, è già il minimo per le conseguenze che avrà. Ci consente probabilmente soltanto di evitare il peggio. Speriamo di riuscirci.
_

Il prossimo 28 settembre si terrà a Bologna la 1^ Conferenza Nazionale della Green City. 
Le "città verdi" possono dare un contributo importante al raggiungimento dell'obiettivo della sostenibilità ambientale, alleggerendo il proprio carico sull'ambiente e diventando veicolo di buone pratiche.  
La conferenza è organizzata dal Green City Network, promossa dalla Fondazione per lo sviluppo sostenibile in collaborazione con la Regione Emilia-Romagna e la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia.  Come si legge sulla pagina web all'indirizzo in calce  "L’iniziativa nasce dall’idea che alle città italiane serva un rinnovato e più incisivo approccio, integrato e multisettoriale al benessere, all’inclusione sociale e allo sviluppo locale durevole delle città, basato su aspetti ormai decisivi quali l’elevata qualità ambientale, l’efficienza e la circolarità delle risorse, la mitigazione e l’adattamento al cambiamento climatico."

Per maggiori informazioni, l'indirizzo è il seguente: 

http://territorio.regione.emilia-romagna.it/notizie/notizie-2018/1deg-conferenza-nazionale-delle-green-city

CULTURA
Matematica - e scienza - democratica
5 settembre 2018
Tra pochi giorni inizia il nuovo anno scolastico, e trovandomi ad essere una docente di matematica e fisica al liceo, vorrei questa volta spendere qualche parola sulla scuola, esulando parzialmente e per una volta dai temi portanti di questo blog.

Secondo un'indagine dell'Ocse, è "analfabeta matematico" un ragazzo italiano su quattro, mentre il 24,7% degli alunni di 15 anni non supera il livello minimo di competenze in matematica.
Si legge sul sito di Save The Children (all'indirizzo indicato in calce) che secondo i test PISA "In Italia una percentuale non indifferente di adolescenti non è in grado di ragionare in modo matematico, utilizzare formule, procedure e dati, per descrivere, spiegare e prevedere fenomeni, in contesti diversi. L’Italia si colloca, nella speciale classifica dei ‘low achievers’ in matematica, al 24° posto su 34 paesi OCSE." E ancora: "In ambito europeo, l’Italia si posiziona prima soltanto del Portogallo, della Svezia e della Grecia, che presentano rispettivamente le seguenti percentuali di ‘low achievers’: 25%, 27% e 36%."
Pisa in questo caso è l'acronimo di Programma per la valutazione internazionale dello studente, su cui si possono avere maggiori informazioni all'indirizzo indicato più sotto. Sulla home page del sito si trovano alcune figure interattive dalle quali si può facilmente capire a quale livello si trovi l'Italia nel quadro internazionale in vari aspetti della preparazione scolastica ed in quella scientifica in particolare: nella media o sotto la media.

Siamo un popolo di ignoranti matematici, e più in generale, di ignoranti scientifici, e a dirla tutta, non occorrevano le statistiche a ricordarlo: di solito lo sappiamo da soli. Certo non tutti possono essere scienziati o ingegneri; si sta affrontando qui il problema da un punto di vista che di solito viene indicato come cultura generale. Una scarsa cultura matematica e scientifica caratterizza il nostro Paese da tempi immemori, e la scuola fatica a modificare quello che è principalmente un atteggiamento collettivo, ben radicato, e collocato fra le altre qualità che caratterizzano il nostro Paese.
L'idea che la matematica non serva nella vita a meno che non si affronti uno specifico indirizzo di studi è pervasiva, e di solito viene affiancata all'idea che la stessa sia troppo difficile rispetto alla norma. Lo stesso accade più o meno per tutte le discipline scientifiche, mentre non ho mai sentito nessuno mettere in discussione l'utilità dei Promessi Sposi - detto, sia chiaro, con tutto il dovuto rispetto al Manzoni. 
Sulle cause di questa tendenza anti-scientifica nazionale sonno state scritte molte pagine, non ne ripeteremo i concetti principali qui, perchè il punto ora importante è un altro: come uscirne. Come allargare le competenze tecniche e scientifiche in Italia, tenendo presente che il nostro Paese ha, ed ha sempre avuto, livelli di eccellenza nei settori scientifici.
Ma forse è bene spiegare prima perchè occorre farlo. 
Abbiamo costruito una civiltà tecnologica e scientifica. In essa viviamo la nostra vita, lavoriamo, ci relazioniamo con le altre persone, studiamo, curiamo le malattie, organizziamo la comunità, elaboriamo nuovi concetti, inventiamo nuovi strumenti e nuove modalità in ogni campo. Tutto ciò lo facciamo con motori, elettricità, apparecchi radiotelevisivi, radiografie, strumenti vari per la medicina, telefoni cellulari, computer, collegamenti ferroviari e stradali, pompe per l'acqua, dighe, macchine agricole, sensori, laser, radar, sonar, microchip, nuovi materiali, e molto altro ancora. A parte coloro che vivono ancora nella Natura, popoli che si trovano ai margini del villaggio globale e che ci restituiscono almeno l'dea di ciò che eravamo, tutti noi viviamo immersi nella tecnologia e di essa ci nutriamo ogni giorno. E di cosa sono fatti gli strumenti della tecnologia? Di materiali specifici, di onde elettromagnetiche, di elettroni, di campi magnetici, di campi elettrici, di onde sonore, di fotoni, delle leggi della Fisica. Queste ultime espresse (Galileo docet) in linguaggio matematico. 
Il linguaggio matematico si usa poi in molti altri campi, come l'economia. In generale le conoscenze scientifiche riguardano la biologia, la chimica, la geologia. E' poco? Certo no. Eppure nella scuola italiana vige ancora ampiamente l'anacronistica distinzione fra materie umanistiche e materie scientifiche, con precedenza e privilegi vari alle prime, eccettuato (forse) i casi in cui le seconde siano materie di indirizzo del corso di studi.

Questo stato di cose comporta la cronica mancanza di personale con competenze tecniche nell'industria, e negli altri ambiti in cui sono richieste. Ma la carente cultura matematica e scientifica italiana ha una conseguenza ben più grave: il fatto di vivere in una civiltà tecnologica avanzata senza conoscerne le proprietà di base, anzi spesso senza saperne proprio nulla. Al contrario, per prendere decisioni occorrerebbe un minimo di conoscenze specifiche: per decidere se ricorrere all'energia nucleare oppure no, o per decidere se essere a favore delle vaccinazioni obbligatorie oppure no, o per affrontare il tema del cambiamento climatico, tanto per fare esempi clamorosi. Dato che la cultura scientifica non si forma navigando su internet, ma andando a scuola e studiando, ecco dove nasce il problema. 
La questione può avere evidentemente conseguenze anche sulla qualità della democrazia in Italia, visto che se nessuno, o almeno non una parte adeguata della popolazione, sa effettuare scelte in ambiti così importanti, finisce poi che qualcun altro arriva a farle al posto nostro. Sarebbe uno scippo di una fetta importante di democrazia, con conseguenze imprevedibili. 
Un livello così elevato di progresso tecnologico e scientifico quale quello attuale, se non può essere certo raggiunto da tutti, richiede però che i saperi diffusi non si fermino alle quattro operazioni o alla rotondità della Terra. Non intendo affrontare qui il tema più ampio del rapporto fra tecnica e democrazia, e fra tecnica e politica, ma semplicemente porre l'accento sul divario fra i traguardi specifici scientifici e tecnologici e il minimo comun denominatore della cultura collettiva in materia, e le sue possibili conseguenze. Si tratta di un gap enorme che richiede di essere colmato, e non sarà facile, ma la scuola italiana deve imprimere una svolta capace di cambiare una direzione ormai obsoleta.

Buon lavoro dunque a tutti i colleghi lettori di questo blog, e un pensiero particolare ai colleghi delle materie scientifiche. Il futuro si forma a partire da oggi, e la qualità dell'istruzione media sarà elemento determinante dell'Italia nei prossimi anni. 

I link ai siti citati nell'articolo:

https://www.savethechildren.it/blog-notizie/i-ragazzi-italiani-non-sanno-usare-la-matematica

http://www.repubblica.it/scuola/2016/12/05/news/matematica_e_scienze_gli_alunni_italiani_restano_indietro-153486884/

https://www.oecd.org/pisa/

POLITICA
Il cambiamento climatico non si trova solo negli studi scientifici, ma nei barconi che attraversano il Mediterraneo
24 luglio 2018
Invece di limitarsi a discutere se i migranti sono "economici" o sono profughi di guerra sarebbe bene allargare lo sguardo al presente - e orami al recente passato - per includere la qualifica di rifugiato ambientale fra le principali cause del fenomeno migratorio.

I cambiamenti in atto del sistema climatico si collocano all'origine di modifiche all'ambiente che localmente sono in grado di alterare equilibri delicati che sono stati per secoli alla base di economie nelle comunità. Il cambiamento del clima è oltretutto un fenomeno diseguale, per il quale le aree tropicali della Terra sono destinatarie delle maggiori conseguenze rispetto alle altre zone climatiche; le stesse zone sono per lo più abitate da popolazioni che vivono in difficoltà in Paesi poveri. Innalzamento del livello del mare, alluvioni, nubifragi e uragani, siccità e aumento delle aree desertiche, sono già oggi realtà nel Sud-Est asiatico, o in Africa. Lo sono anche in zone meno povere ma molto esposte come tutta l'area del Golfo del Messico, fra Messico appunto e Stati Uniti.

Per guardare al di là del Mediterraneo con un po' più di attenzione, occorre almeno includere la qualità dell'ambiente nell'area intorno al deserto del Sahara. Si tratta di una zona enorme, che va in latitudine dal Mediterraneo ai Paesi del centro dell'Africa, in longitudine dal Marocco all'Egitto. Da quest'area circostante il Sahara partono molti dei migranti che arrivano con mezzi di fortuna alle nostre coste, attraversando il Mediterraneo. Il cambiamento climatico incide già moltissimo sulle condizioni ambientali locali, dove siccità e desertificazione rendono impossibile l'agricoltura, difficoltoso l'allevamento del bestiame, e causano a lungo andare la frantumazione delle comunità locali, la perdita delle culture tradizionali, lo smembramento della società, con la fuga di coloro che possono alla ricerca di un mondo migliore nei Paesi più ricchi e più vicini, i Paesi europei. Non sono viaggi di piacere, quelli verso l'Europa, sono spostamenti con ragioni serissime, in un mondo diseguale dove la povertà e il disgregamento della propria società convivono con Paesi ricchi separati da un braccio di mare. Non che i secondi non soffrano diseguaglianze al loro interno, anzi, ma proprio l'immigrazione viene utilizzata da coloro che intendono conservarle per portare l'attenzione altrove.
Spesso, basterebbe ricostruire un ambiente con le qualità adatte alla vita per risolvere molti problemi, come ad esempio tenta di fare il Green Belt Movement ideato da Wangari Maathai in Kenya (indirizzo web in calce), arginando così il fenomeno della desertificazione e ricreando condizioni ospitali. Sull'efficacia delle barriere di vegetazioni ai margini dei deserti non mancano le perplessità, ma il coinvolgimento delle comunità locali per ripristinare la qualità di un territorio può fare la differenza grazie alla conoscenza del luogo che possiedono.

Due ricerche recenti, dell'FMI (Fondo Monetario Internazionale) dell'Università di Otago in Nuova Zelanda hanno mostrato che le tempeste, le alluvioni, le ondate di caldo e la siccità influenzano pesantemente le migrazioni. I ricercatori del FMI hanno esaminato i legami tra eventi atmosferici estremi e migrazioni in più di 100 Paesi per oltre tre decenni, scoprendo che "un aumento della temperatura e una maggiore incidenza di disastri meteorologici aumentano le percentuali di emigrazione". Per non parlare dell'innalzamento del livello dl mare, in grado di mobilitare milioni di persone e che colpirebbe direttamente anche il nostro Paese, con allagamento di vaste zone costiere, come uno studio recente dell'Enea ha dimostrato.

Se ne parla da anni, ma non si è ancora arrivati a riconoscere giuridicamente lo status di "rifugiato climatico". Al momento non esiste una definizione universalmente accettata per coloro che si spostano a causa delle conseguenze dei cambiamenti climatici. Spesso si utilizza il termine "rifugiati climatici", ma le Nazioni Unite non ne hanno mai approvato formalmente l’adozione. La Convenzione di Ginevra sullo statuto dei rifugiati del 1951 non considera i disastri causati dalle condizioni ambientali o climatiche come ragione per il riconoscimento del diritto d’asilo. All'Art. 1 della Convenzione, si chiarisce che la richiesta di protezione può essere fatta da “chiunque nel giustificato timore d’essere perseguitato per ragioni di razza, religione, nazionalità, appartenenza a un determinato gruppo sociale o per opinioni politiche, si trova fuori dello Stato di cui possiede la cittadinanza e non può o, per tale timore, non vuole domandare la protezione di detto Stato; oppure chiunque, essendo apolide e trovandosi fuori dei suo Stato di domicilio in seguito a tali avvenimenti". In sostanza, i rifugiati climatici sono senza protezione giuridica internazionale.
I numeri però sono molto concreti: si parla di decine di milioni di persone, con previsioni in aumento. Lo United Nation High Commissioner for Refugee (UNHCR, Alto Commissariato ONU per i rifugiati, indirizzo in calce) stima che dal 2009 ad oggi una persona al secondo abbia perso la propria casa a causa di disastri naturali, per un totale di oltre 22 milioni di persone all'anno. Si tratta di stime davvero impressionanti nella loro portata, soprattutto se si tiene conto dell'andamento, che viene determinato in forte crescita.

Siamo di fronte ad un mondo che cambia, che lo fa velocemente, ma la direzione del cambiamento può essere almeno in parte determinata da noi, dalle nostre scelte, da quello che la comunità internazionale farà per limitare quanto possibile un cambiamento del sistema climatico che assume contorni sempre più preoccupanti e per ridurre le diseguaglianze.  Sono queste le vere cause di fenomeni migratori di dimensioni epocali e su di esse occorrerebbe agire per ottenere qualche risultato. Oltre, ovviamente, alla gestione del fenomeno a livello nazionale ed europeo, in cui si può fare molto senza chiudere i porti, ma da cui è necessario alzare lo sguardo per vedere il problema nel suo insieme.

Il sito del Green Belt Movement:

 http://www.greenbeltmovement.org

Il sito dell'Alto Commissariato ONU per i rifugiati:

http://www.unhcr.it

SOCIETA'
Fresco estivo, salubre e a basso impatto ambientale
16 luglio 2018
L'estate, con il turismo, è occasione da sempre dimostrare il proprio "grado di civiltà" in diretta all'aria aperta, evitando di lasciare rifiuti nell'ambiente, o al chiuso della propria abitazione, gestendo il raffrescamento in modo consapevole. 
Ormai da anni, uno dei picchi nei consumi energetici nel nostro Paese si verifica d'estate, quando i condizionatori lavorano al massimo. Ebbene, sono stati pubblicati studi in proposito non certo incoraggianti sui benefici dell'aria condizionata.

L’aria condizionata utilizzata per raffrescare appartamenti e uffici causa un incremento di malattie e addirittura decessi nel corso del tempo, secondo una nuova ricerca che conferma i dubbi che molti hanno da sempre, condensati nella frase "l'aria condizionata fa male".
La ricerca è stata condotta dall’Università del Wisconsin-Madison, e pubblicata dalla rivista Public Library of Science Medicine all’interno di uno speciale dedicato ai cambiamenti climatici. L'aria fredda generata dal condizionatore non porta benefici alla salute, tutt'altro, diventando un problema speculare a quello causato dalle ondate di calore, sempre in aumento come conseguenza del cambiamento climatico.

Il tema diviene dunque come fare a difendersi dal caldo nei luoghi chiusi. I metodi ci sono, e coinvolgono la semplice esperienza domestica o metodi costruttivi innovativi che spesso affondano le radici nelle antiche conoscenze sviluppate nei luoghi caldi.
In una pagina web dedicata al tema l'Enea suggerisce alcune pratiche utili (all'indirizzo in calce).
Innanzitutto, i climatizzatori, consumando energia, sono da preferirsi nei modelli ad alta efficienza energetica. Per utilizzarli il minor tempo possibile, o addirittura evitarne l'acquisto, è opportuno ricorrere ad una serie di accorgimenti: avere un buon isolamento termico delle pareti e del sottotetto, favorire il  raffrescamento naturale, generare ventilazione fra gli ambienti, avere vegetazione intorno alla casa per fare ombra e regolare la temperatura, con alberi, pergolati, piante rampicanti sulle pareti esposte al sole, tetti verdi, se non si può evitare l'accensione dei fornelli ridurre al minimo quella delle luci. Sembrano dettagli, ma insieme sono in grado di ridurre di qualche grado la temperatura interna degli ambienti. 
Molto dipende da come è stata costruita la città, o il centro abitato in cui si vive. L'urbanizzazione selvaggia che ha caratterizzato molte zone del nostro Paese soprattutto nei decenni del dopoguerra ha dimenticato gli alberi, spesso anche in zone deputate alla villeggiatura. Teniamo conto che, come si legge sul sito dell'Enea, oltre i due terzi del patrimonio edilizio risale a prima degli anni ottanta, quando ancora non esistevano normative specifiche sul tema dell’efficienza energetica e molte tecnologie non erano ancora mature.

Esistono poi metodi innovativi come il raffrescamento passivo che vorrebbe ispirarsi alla Natura realizzando edifici capaci di gestire al meglio le risorse naturali, inserirsi nel contesto ambientale culturale e storico locale, alleggerire il proprio peso sul sistema ecologico. Il modo migliore consiste nel progettare ogni ambiente insieme al paesaggio circostante, includendo i parametri ambientali che determinano la zona climatica, la storia del territorio, le risorse pulite disponibili. L'energia può provenire solo da fonti pulite e rinnovabili, e viene addirittura tenuto conto l’LCA (Life Cycle Analysis) dei materiali. La bioarchitettura si pone l'obiettivo generale di aderire a criteri di sostenibilità, inserendo il costruito in equilibrio con l'ambiente e l'ecosistema. La qualità della vita, il benessere psicologico e fisico dei residenti, insieme ad elevata qualità dell'ambiente in cui l'edificio viene inserito sono obiettivi molto alti, sicuramente degni di attenzione particolare. Simili criteri potrebbero configurarsi come nuovi indirizzi per l'edilizia, un settore che nella sua veste tradizionale soffre di una crisi che dura da anni. La bioarchitettura è già una disciplina articolata, visto che nasce negli ormai lontani anni '70 in Germania, e può offrire prospettive interessanti.

Il sito dell'Agenzia Nazionale per l'Efficienza Energetica dell'Enea dedicato ai problemi che riguardano da vicino i cittadini si trova al seguente indirizzo:

 http://www.efficienzaenergetica.enea.it/Cittadino

SCIENZA
Minimo record dei ghiacci nel mare di Bering
7 maggio 2018
Il riscaldamento globale non procede in modo uniforme su tutte el aree geografiche del pianeta, e non riguarda ogni ecosistema nella stessa misura. Quando da noi sembra che le cose procedano in modo quasi normale -  ma la siccità dello scorso anno è stata anomala e preoccupante - altrove sono presenti condizioni del tutto eccezionali. Spesso, l'eccezionalità finisce per diventare tendenza, quando traccia una strada che viene ripercorsa in modo simile in tempi successivi.

Una zona della Terra che presenta fenomeni molto intensi legati al cambiamento climatico è l'Artico. Ogni anno gli scienziati forniscono misure di forte riscaldamento, scioglimento dei ghiacci, riduzione del permafrost e delle loro conseguenze per gli abitanti di quelle zone e per l'intero ecosistema artico. Gli orsi bianchi sono ormai simbolo del climate change.

Gli ultimi dati ci informano che nel 2018 la copertura invernale di ghiaccio marino nel mare di Bering è stata appena la metà di quella del minimo invernale mai registrato prima (nel 2001), segnando un minimo record.

Lo studio è dell'International Arctic Research Center, dell'Università dell'Alaska a Fairbanks. Secondo colui che ha guidato la ricerca, John Walsh, ed il climatologo del NOAA Rick Thoman, negli ultimi 160 anni "non c'è mai stato nulla di neppur lontanamente simile per il ghiaccio marino" nel Mare di Bering. La notizia è riportata da Le Scienze (all'indirizzo in calce).

Una concorrenza di condizioni, si legge, - tra cui le alte temperature dell'aria e degli oceani, insieme alle persistenti tempeste - ha posto le basi per questa drammatica flessione in una regione che finora non era stata una delle principali cause della riduzione complessiva dei ghiacci marini dell'Artico.
Alla fine di aprile il mare di Bering era quasi libero dal ghiaccio, con quattro settimane di anticipo sui tempi previsti. Con il Sole splendente, l'oceano aperto sta assorbendo una quantità di calore che potrebbe creare un altro ritardo nel congelamento il prossimo autunno.

La figura mostra l'estensione dei ghiacci marini nel Mare di Bering in miglia quadrate negli ultimi 168 anni. La posizione dei rilevamenti del 2018 parla da sè.






L'articolo si trova al seguente link:

http://www.lescienze.it/news/2018/05/04/news/riduzione_record_ghiaccio_marino_alaska-3964960/
SCIENZA
I tre anni più caldi (finora)
5 febbraio 2018
Lo scorso anno 2017 è stato il terzo anno più caldo mai registrato, in una sequenza che vede primo il 2016 e secondo il 2015. In altre parole, la temperatura globale media del pianeta Terra è in aumento da anni, e gli ultimi tre costituiscono una sequenza temporale inequivocabile di livelli alti, i massimi registrati finora.
Se il Presidente americano Trump nutre dei dubbi, potrebbe chiedere agli scienziati del suo Paese: alla Nasa e al Noaa (National Oceanic and Atmospheric Administration) potrebbero spiegargli cosa sta succedendo. L'immagine, tratta dal sito noaa.gov, mostra le variazioni di temperatura per l'anno 2017 rispetto alla media secondo un codice a colori. Le zone più calde sono mostrate con sfumature di rosso più intenso, la media è bianca, il grigio è assenza di misure. Lo scorso anno è stato leggermente meno caldo dei due precedenti a causa della minore influenza del fenomeno "El Nino", ma si colloca in un'impressionante sequenza che vede i sei anni più caldi mai registrati tutti successivi al 2010. I dati rilevati sono simili a quelli misurati dal WMO (World Meteorological Organization).







http://www.noaa.gov/news/noaa-2017-was-3rd-warmest-year-on-record-for-globe


SCIENZA
L'anidride carbonica finisce in acqua - e non per far le bollicine
17 gennaio 2018
Il pianeta Terra, con i suoi sistemi naturali, forma un unico grande apparato dinamico in cui le varie parti interagiscono attraverso le reti che le collegano, influenzandosi a vicenda e determinando i parametri che le caratterizzano in base alle variabili fondamentali. Non c'è nulla che avvenga sulla Terra che non abbia influenza su qualcos'altro, anche apparentemente distante o diverso.
Il cambiamento del sistema climatico, causato dalla modifica della composizione atmosferica che vede una maggior concentrazione di gas-serra, genera alterazioni nei fenomeni atmosferici a volte preoccupanti, e si tratta ormai di una conseguenza nota. Meno noti sono gli effetti indiretti, numerosi e interconnessi.
Acque marine e interne interagiscono con l'atmosfera con un continuo scambio di sostanze, come i gas, e di parametri, come la temperatura. Per molto tempo, le acque presenti sul pianeta ci hanno aiutato a contenere l’aumento di temperatura in progressione nell’ultimo secolo assorbendo notevoli quantità di anidride carbonica, ma ora ci si domanda se questa capacità di assorbimento continuerà in futuro, se sarà in grado di far fronte ai ritmi elevati derivanti dall'azione inquinante umana, e se non comporterà essa stessa altri fenomeni negativi.
Molti studi da anni mostrano una di tali conseguenze nel fenomeno dell'acidificazione dei mari e degli oceani. Ora, uno studio mostra che anche nelle acque dolci si osservano effetti simili.
Alcuni scienziati hanno infatti studiato alcuni bacini di acque dolci della Germania nel periodo che va dal 1981 al 2015, mostrando "una serie di cambiamenti che riproducono in modo piuttosto fedele quelli osservati nelle acque marine" (secondo quanto riposta Le Scienze, all'indirizzo in calce). Secondo l'analisi svolta dei dati raccolti, si verifica un incremento della quantità di anidride carbonica disciolta a cui si associa un aumento dell'acidità dell'acqua, quantificabile in una diminuzione del pH di 0,3 in 35 anni (il pH è una misura dell'acidità o della basicità di una soluzione, definita come il logaritmo decimale negativo della concentrazione degli ioni H+ di idrogeno. La scala va da 0 a 14, e se il pH è minore di 7 è acido, se è maggiore di 7 è basico). Si tratterebbe di un tasso di acidificazione che supera quello misurato per gli oceani.

L'incremento di anidride carbonica in atmosfera, che ha già raggiunto livelli elevatissimi in rapporto ai dati storici, ha fra le tante conseguenze anche l'incremento dello stesso gas disciolto nell'acqua. I mari scambiano infatti continuamente sostanze aeriformi con l'atmosfera in una condizione di equilibrio sulla durata temporale lunga per noi, che possiamo considerare corrispondente al periodo in cui è nata e si è evoluta la civiltà umana. La CO2 disciolta nel mare tende a trasformarsi in composti come l'acido carbonico, procurando un aumento dell’acidità delle acque, cioè una diminuzione del pH, che a sua volta genera conseguenze importanti per gli ecosistemi marini, di solito molto negative. Si stima che l’assorbimento di carbonio prodotto dalle attività umane dal 1750 (epoca della rivoluzione industriale) abbia reso gli oceani più acidi con una diminuzione globale media del pH di 0.1 unità. Il fenomeno continua e si prevede che nel corso del ventunesimo secolo un'ulteriore acidificazione comporterà una riduzione del pH medio globale della superficie degli oceani compreso fra 0.14 e 0.35 unità.

Ormai da tempo, studi mostrano che coralli, copepodi, lumache di mare, ricci allo scopo di bilanciare il cambiamento di pH all'interno del proprio corpo sopportano effetti negativi sulle loro capacità riproduttive e di crescita. E' probabile che molte specie non saranno in grado di adattarsi geneticamente al processo di acidificazione dei mari e degli oceani dato che il cambiamento avviene troppo velocemente. La scomparsa di queste o di altre specie può alterare la biodiversità, e modificare la catena alimentare marina, o delle acque dolci.
Se l'adattamento non è adeguato, livelli elevati di anidride carbonica possano portare a riduzione di biodiversità nelle acque interne ed in quelle marine, per esempio a causa della prevalenza di specie dominanti. Le conseguenze a cascata possono essere devastanti.

Il tema della qualità della vita marina è enorme, ed investe la pesca oltre ai fenomeni legati al cambiamento del clima e dei suoi parametri. Soltanto apparentemente lontano, è legato a noi in forma diretta o indiretta, ma sempre indispensabile.

L'articolo citato è tratto da Le Scienze, e si trova al seguente indirizzo:

http://www.lescienze.it/news/2018/01/15/news/aumento_anidride_carbonica_acque_dolci-3819591/



POLITICA
La Terra ha perso un decimo delle sue aree naturali dal 1993 - e se continuiamo così, resteremo senza
24 dicembre 2017
Stiamo distruggendo le ultime zone di natura selvaggia della Terra ad una velocità drammatica, che se continuerà ci porterà alla completa distruzione di ogni sistema naturale incontaminato nel giro di pochi decenni. (Purtroppo, agli ambientalisti spetta il compito di Cassandra, ma tant'è...)

Non bastano gli accordi a protezione del sistema climatico se corriamo il rischio di trovarci in un tempo brevissimo sotto ogni profilo senza più alcuna foresta primaria, con zone naturali profondamente alterate, dove ecosistemi di bassa qualità e scarsa resistenza continuano nel tentativo di farcela in un mondo antropizzato fino a superare ogni estremo limite dato. Un tentativo che contiene scritto nelle premesse il proprio destino.  Preziose aree di natura incontaminata irrecuperabili, ed ecosistemi vitali per la sopravvivenza stessa della specie umana perduti per sempre. Le zone naturali incontaminate sono fonte di acqua, cibo, medicine, di benefici impalpabili come l'equilibrio ecologico e la biodiversità, e contrastano il riscaldamento globale. Sono fonte di un bene incommensurabile ascrivibile ai migliori che ogni essere umano può desiderare, cioè il godimento della bellezza della Natura.
Gli Dèi non ricreeranno la Natura sulla Terra, è più probabile che Zeus scagli i suoi fulmini per la collera causata dall'assenza di senso delle prospettive che gli esseri umani creano (la frequenza dei fulmini è da tempo in aumento a causa del riscaldamento globale dell'atmosfera terrestre). 

L'Università del Queensland, in Australia, si occupa da tempo del tema, ed ha pubblicato i dati e le mappe che certificano il fenomeno a livello mondiale. Risulta che, nonostante trattati ed accordi internazionali a protezione dell'ambiente, della biodiversità, degli ecosistemi più delicati, non ci si ferma, e in poco più di due decenni - lo studio fa riferimento al 1993 - tre milioni e trecentomila chilometri quadrati di natura selvaggia sono stati distrutti dalle attività umane. Si tratta del 10% delle aree naturali tuttora esistenti sul pianeta. Si fa presto a fare i conti e vedere quanto tempo ci vorrà ancora per distruggerle tutte, tenendo conto che gli interventi umani non procedono per percentuali ma per valori assoluti.

La maggior parte delle aree selvagge oggi si trova ancora nei deserti dell’Australia centrale, nella foresta pluviale amazzonica in Sud America, nell’altopiano tibetano in Asia centrale e nelle foreste boreali del Canada e della Russia. Si tratta di aree inospitali dove semplicemente la mano dell’uomo fatica ad arrivare.
L’Amazzonia viene indicata come il miglior esempio di dove sia necessario che un’intera foresta, o quanto meno una porzione enorme, venga protetta per mantenere il funzionamento del ciclo idrologico, ma nonostante questo dal 1993 ad oggi ne è scomparso un terzo. Quel che è peggio, è constatare che una perdita così ingente sia avvenuta in un periodo durante il quale l'allarme per la deforestazione era noto e, verbalmente, sostenuto da tutti.

Gli scienziati chiedono un accordo globale per l'esplicita protezione della Natura selvaggia rimasta sulla Terra. Lo indicano come indispensabile per proteggere le ultime zone rimaste intonse. Va fatto, e va portata avanti ad ogni livello una politica economica che promuova e favorisca l'economia verde, ecologica, avanzata con basso impatto ambientale, capace di aiutare anche quei Paesi che per difficoltà economiche e sociali non riescono ad uscire dalla spirale della miseria e del ricorso a quello che hanno a disposizione, le loro risorse naturali. Una buona parte delle aree naturali si trova oggi in Paesi in cui le nostre teorie sulla green economy sono al di là della loro portata, mentre noi ci troviamo nella parte del mondo che maggiormente ha sfruttato in passato le proprie risorse. L'Europa non era nata senza foreste e zone di natura selvaggia, e non lo era l'Italia; semplicemente, sfruttandole prima nel tempo abbiamo già impattato su un ambiente che ora presenta il conto, mostrando a tutti la cifra. 
L'incubo di Trantor può essere allontanato, se non vogliamo finire nel peggiore dei nostri sogni.



SCIENZA
Tendenze climatiche che diventano evidenze
6 dicembre 2017
"Con novembre si conclude l'anno meteorologico 2017 (dicembre 2016-novembre 2017). Dal punto di vista termometrico il 2017 ha fatto registrare, per l'Italia, un'anomalia di +1.3°C al di sopra della media del periodo di riferimento convenzionale 1971-2000, chiudendo come il quarto più caldo dal 1800 ad oggi, pari merito agli anni 2001, 2007 e 2016. Più caldi del 2017 sono stati solo il 2003 (con un'anomalia di +1.36°C), il 2014 (+1.38°C rispetto alla media) e il 2015 che resta l'anno più caldo di sempre con i suoi +1.43°C al di sopra della media del periodo di riferimento." Inizia con queste parole una nota del Consiglio Nazionale delle Ricerche del 4 dicembre scorso, che prosegue informandoci che il 2017 è stato l'anno più secco in Italia dal 1800 ad oggi.

Secondo il Cnr, infatti, le piogge sono state oltre il 30% inferiori alla media del periodo di riferimento 1971-2000, e l'anno in corso risulterebbe essere il più secco dal 1800 ad oggi. Precisamente, si legge sulla nota, "significativa è risultata l'anomalia pluviometrica del 2017", quando, "fatta eccezione per i mesi di gennaio, settembre e novembre, tutti gli altri
hanno fatto registrare un segno negativo, quasi sempre con deficit di oltre il 30% e, in ben sei mesi, di oltre il 50%. A conti fatti, gli accumuli annuali a fine 2017 sono risultati essere di oltre il 30% inferiori alla media del periodo di riferimento 1971-2000,etichettando quest'anno come il più secco dal 1800 ad oggi".
Dati chiarissimi che confermano le sensazioni collettive gravanti quest'anno sulla carenza di piogge particolarmente marcata, associata al costante incremento della temperatura. I dati scientifici sono ormai specchio dell'evidenza, semmai qualcuno avesse ancora dubbi sul percorso che il sistema climatico ha da tempo intrapreso, ed in cui il nostro Paese è uno dei più avviati fra i Paesi delle zone temperate.

In poche parole, aumenta la temperatura media, aumenta la frequenza dei picchi di calore estivi, aumenta la frequenza di fenomeni estremi, gli inverni si stanno trasformando progressivamente in medie stagioni, cambia il regime delle piogge, e l'anno trascorso ha mostrato quanto veloce e incisivo possa essere il cambiamento.
L'arrivo della stagione fredda, l'arrivo delle precipitazioni, non sono elementi atti a nascondere il problema, costituiscono soltanto il persistere per quanto sarà possibile di una condizione che per il pianeta era di equilibrio a fronte delle modifiche dei parametri che lo determinano e lo caratterizzano. La Natura è in fondo buona, in questo suo insistere nel posizionarsi al suo punto di equilibrio, dandoci il tempo per reagire, evitando di sottovalutare le tendenze in atto.

La nota del CNR si può leggere interamente al seguente indirizzo:

https://www.cnr.it/it/nota-stampa/n-7807/isac-cnr-2017-anno-piu-secco-degli-ultimi-due-secoli

SCIENZA
Gli ultimi dati sulla superficie ghiacciata artica mostrano una tendenza consolidata
27 settembre 2017
Nell'estate 2017 l’area coperta dai ghiacci nell'Artico si è ridotta fino a 4,64 milioni di kilometri quadrati, secondo i dati del National Snow and Ice Data Center (NSIDC, USA). Si tratta del quarto record negativo e dell'ottavo minimo da 38 anni, da quando cioè vengono rilevati i dati da satellite. Osservando il dato in prospettiva siamo quasi 1,6 milioni di kmq al di sotto della media degli ultimi 20 anni.
I dati dei rilevamenti scientifici e alcune immagini grafiche molto eloquenti si trovano nel bel sito dedicato all'Artico "The Arctic", con l'articolo "NASA: Arctic sea ice sinks to record lows for summer", e nel sito dell'NSIDC, agli indirizzi in calce.

Il clima artico è molto variabile e fortemente influenzato dall'oceano polare e dalle masse continentali. La regione nel suo complesso è, ovviamente, influenzata dalla presenza del Polo Nord. Le basse temperature sono la principale caratteristica climatica nella zona, ma ora il clima sta cambiando, e tutta l'area risente del riscaldamento globale. La quantità di ghiaccio che resta alla fine dell'estate, si legge sul sito, dipende dalle condizioni iniziali e dallo stato del clima successivamente. Degno di nota è il fatto che quest'anno i parametri climatici non hanno mostrato valori particolari, per cui la notevole riduzione della copertura ghiacciata dipende da un percorso modificato che oramai può considerarsi strutturale. In altre parole, questo stato di cose sta diventando la norma. All'estensione occorre poi aggiungere lo spessore del ghiaccio, che continua a diminuire.
Gli scienziati inoltre sottolineano che questa è una nota preliminare e nulla può escludere condizioni adatte ad un'ulteriore riduzione nei prossimi mesi.

La linea gialla nella figura è la media degli ultimi vent'anni, la superficie bianca rappresenta i rilevamenti di quest'anno.







L'immagine e la notizia sono tratte dai siti:

http://arctic.ru/environmental/20170920/678351.html

https://nsidc.org/arcticseaicenews/2017/09/arctic-sea-ice-at-minimum-extent-2/

sfoglia
settembre