.
Annunci online

ClaudiaCastaldini
iI Blog su Energia e Ambiente
Link

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 802452 volte


 

 

 

Segui su Twitter

 

 

Segui anche la mia pagina

Facebook

 

 

 

 

 

 

 

partitodemocratico.it

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

legambiente.it

 

legambiente.emiliaromagna.it

 

 

 

 

 

 

 *

 

 

 

 

 

Prezzo giornaliero

del petrolio:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Carbonio:

 

Prezzo carbonio (EU):

16,00 €/tCO2

(11/7/2018)

 

 

 

 

 

 

 

 


*

 

 

Previsione a 1 anno (da fine 2017)

del prezzo del petrolio:

64 $/bbl

 

 

 

 

 

 

Rinnovabili in Italia: contatori GSE

 

gse.it

 

 

 

 

 

 

 

 

Eolico in Italia

 

Potenza installata: 9.300 MW

per circa 17,5 TWh

(dati Gse)

 

 

 

 

 

 

 

 

Solare termico in Italia

 

3,6 milioni m2 di pannelli

circa 3,5 GW termici

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Agenda

 

Martedì 12 dicembre, alle ore 20.30, presso il Circolo PD Passepartout, a Bologna, incontro pubblico "Smog, polveri fini, mobilità e consumi energetici nel nostro territorio". Partecipano: Giovanni Fini, Luciano Forlani, Stefano Mazzetti, Claudia Castaldini, Roberto Giorgi Ronchi, Lina de Troia.

 

Domenica 15 ottobre, alle ore 16.00, presso il Centro "Ex-moduli", a Monte San Pietro (BO), incontro pubblico "Acqua fonte di vita", disponibilità, uso responsabile, cambiamenti climatici. Partecipano Monica Cinti, Barbara Fabbri, Rosario Lembo, Claudia Castaldini, saluti del sindaco Stefano Rizzoli. Con il contributo della comunità francescana "Frate Iacopa".

 

Giovedì 14 settembre, alle ore 17.30, presso il Circolo culturale Cartoleria, Via Cartoleria 18, Bologna, Casadeipensieri presenta: "Clima, dire il problema, affrontare il pericolo". Dialogo di Bruno Carli con Furio Cerutti, conduce Claudia Castaldini, introduce l'incontro Carla Muzzioli Cocchi. (B. Carli, "L'uomo e il clima", ed. Il Mulino).

 

Mercoledì 13 settembre, alle ore 21.00, "Cambiamento climatico e riscaldamento globale: riflessioni politiche e scientifiche". Partecipano, Giovanni Fini, Claudia Castaldini, Michele Giovannini, Stefano Mazzetti. Presso la Festa dell'Unità al Parco Nord, Bologna.

 

Martedì 16 maggio 2017, alle ore 21.00, presentazione del libro "Regole, Stato, Uguaglianza" di Salvatore Biasco. Dialogano con l'autore Francesco Massarenti, Filippo Taddei. Introduce e modera Claudia Castaldini. Presso il Circolo PD Passepartout, Bologna.

 

Giovedì 14 aprile 2016, alle ore 21.00, incontro pubblico "Trivelle: facciamo chiarezza", presso lo Spazio 143, organizzato dal PD di Argelato-Funo. Partecipano: Manuela Bulla, Claudia Castaldini, Elena Gaggioli, Giordano Giovannini, Raffaele Pignone.

 

Lunedì 11 aprile 2016, alle ore 21.00, incontro pubblico "Trivelle: facciamo chiarezza", presso la Sala Aldo Moro di via Rivani 35, Bologna. Partecipano: Elena Gaggioli, Stefano Mazzetti, Claudia Castaldini, Ezio Mesini, Davide Tabarelli.

 

Giovedì 7 aprile 2016, alle ore 20.45, incontro pubblico "Trivellazioni in mare. Verso il referendum", presso la Casetta Rossa, in via Bastia, a Bologna. Partecipano: Stefano Mazzetti, Claudia Castaldini.

 

 

 

 

 

 

 

_____________________

 

 

 

 

 

 

 

 

A proposito di me:

Le mie più grandi passioni: le scienze della Natura e la Natura stessa.

Ho due Lauree, in Fisica (precisamente in Fisica Teorica) e in Astronomia, conseguite all'Università di Bologna, una specializzazione, ed alcune pubblicazioni scientifiche frutto del lavoro svolto in Università. I miei interessi hanno riguardato principalmente aspetti della Teoria dei Campi, e le radiogalassie FR I.

Seguo da sempre le tematiche connesse alla questione ambientale, forse la più importante del nostro tempo per le implicazioni che ha, dall'uso delle risorse ai legami con la povertà e i Paesi in via di sviluppo, dal sistema economico al semplice godimento dell'ambiente naturale.
Nello specifico, mi occupo da anni di politica energetica. Ho pubblicato sul tema alcuni libri, scritto vari articoli su riviste specializzate, oltre a dossier, studi e collaborazioni.
Sono socia della Legambiente, con cui ho collaborato e sono stata membro della Direzione regionale dell'Emilia-Romagna per anni in qualità di Responsabile Energia, occupandomi in particolare di energia e ambiente, di nucleare civile (pubblicando anche un libro sul tema), di questioni legate al disarmo nucleare, degli effetti sulla salute dei campi elettromagnetici. Sono membro del Consiglio di Redazione della rivista Qualenergia.

Faccio attività politica nel Partito Democratico dalla sua nascita.  Sono stata Responsabile Energia e Ambiente dell'Esecutivo del PD di Bologna.  Sono socia e membro del Direttivo regionale dell'Associazione Ecologisti Democratici.

Sono bolognese, ma amo viaggiare, fatto che mi ha portato nel corso del tempo a conoscere bene l'Italia e l'Europa intera.

 

 

 

 

 

 

 *

 

 


 

 

 

 

 

 

Se domani il mondo verrà' distrutto, io oggi pianterò' un albero di mele

 

- Ma. L. King -

 

 

 

 

 

 

*

 

 

 

 

 

 

Scrivere...

 ... di energia, riportare notizie sullo stretto legame energia-ambiente, per favorire la diffusione di una informazione oggi poco estesa, vaga e spesso imprecisa.  La scarsa conoscenza scientifica tipica dell'Italia (che ha ragioni storiche) apre le porte all'incertezza nell'affrontare il tema, ma soprattutto, alla possibilità da parte di chiunque di sostenere le tesi più diverse con scarsa possibilità di essere contraddetto.   La questione energetico-ambientale è forse la principale del nostro tempo e, come tale, deve essere accessibile e pubblica.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Stili di vita

per ridurre il proprio impatto sull'ambiente

 

Acquistare:

prodotti locali, a km zero;
alimenti biologici;
apparecchi ed elettrodomestici a basso consumo;
gli stessi... a batterie solari;
automobili efficienti, a gas, ibride, o elettriche;
appartamenti e case con certificazione energetica

Ridurre:

il consumo di carne, e preferire quella biologica;

l'acquisto di prodotti dall'altro capo del mondo;

il ricorso all'auto privata, preferendo i mezzi pubblici o le nuove forme di mobilità

Non acquistare:

uova di galline da allevamenti in gabbie;
late o carne da allevamenti intensivi
;

i SUV fortemente inquinanti

Non accendere:

numerosi elettrodomestici in contemporanea;

Installare:

termostati;
sistemi di coibentazione efficaci;

Spegnere:

le luci quando non servono;
le lucine rosse (stand-by);
il calorifero quando si superano i 20°
... e staccare le spine alla sera!

Dopo tutto ciò...

richiedere alla propria amministrazione comunale, provinciale e regionale adeguate politiche
di risparmio, efficientamento, e promozione delle tecnologie per le fonti rinnovabili,
mezzi di trasporto collettivo comodi ed efficienti, illuminazione pubblica efficiente e una programmazione energetica che porti a fondare il sistema energetico sulle rinnovabili e sulla piccola generazione distribuita a cogenerazione.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Quando l'ultimo albero sarà stato abbattuto, l'ultimo fiume avvelenato, l'ultimo pesce pescato, vi accorgerete che non si può mangiare il denaro

(attribuita a vari esponenti degli Indiani d'America del XIX secolo)

(molto citata, ma sempre notevole...)

 

 

 

 

 

 

 

*

 

 

 

 

 

 

C'è un ambiente antichissimo, un tempo molto noto almeno nella sua apparenza, che oggi abbiamo perduto:  il cielo notturno. 

 

 

Astronomia

di giugno:

 

Giugno è il mese del Solstizio d'Estate, delle giornate più lunghe, del Sole di mezzanotte alle latitudini più settentrionali. Il Solstizio cade il giorno 21, quando avremo più di 15 ore di luce. La notte in compenso è breve, ma non ci sono problemi con la temperatura esterna, e le costellazioni osservabili sono tra le più belle del cielo, come Scorpione e Sagittario. La Via Lattea è intensa e splendida, ma va osservata con cieli assolutamente bui.

 

Pianeti visibili

(ad occhio nudo):

 

Mercurio

Questo mese è il miglior periodo del 2019 per tentare di osservare Mercurio, sempre abbastanza difficile. Intorno alla metà del mese si trova alla maggior distanza angolare dal Sole, e tramonta ben un'ora e quarantacinque minuti dopo. Lo si può trovare sull'orizzonte occidentale, dopo il tramonto.

 

Venere

La stella più brillante del cielo può essere osservata ad oriente, la mattina prima dell'alba.

 

Marte

Il pianeta rosso si trova dalle parti di Mercurio, basso sull'orizzonte occidentale.
 

Giove

Giove è stupendo: non si può non notarlo oservando il cielo verso Sud-Est. Brillante e di notevoli dimensioni è osservabile per tutta la notte a paartire dalle prime oscurità della sera. Vale sempre la pena di seguire la danza dei suoi satelliti (medicei) al passare dei giorni con l'ausilio di un buon binocolo, o di un telescopio.

 

Saturno

 

Splendido, il pianeta con gli anelli. Lo si può osservare guardando a Sud-Est dopo la mezzanotte. Si trova nel Sagittario.

 

 

 

 

 

 

 

 * 

 

 

 

 

 

 

 

No all'inquinamento luminoso!

Si tratta del fenomeno per il quale è diventato quasi impossibile osservare il cielo stellato a causa dell'illuminazione esterna.

Da sempre, dalla nascita dell'uomo e delle prime civiltà, uno dei contatti con il mondo naturale era proprio quello con il cielo notturno. I moti dei pianeti, di Sole e Luna, l'alternarsi delle stagioni erano in stretto legame con lo svolgersi delle attività umane, e facevano parte anche della vita delle persone comuni, degli agricoltori. Anche gli abitanti delle città erano abituati alla volta celeste stellata, basti pensare che l'Osservatorio Astronomico di una città come Bologna è stato per secoli quello della Specola, presso la sede dell'Università, in pieno centro cittadino.

Ora stiamo perdendo una parte affascinante ed importante del mondo naturale, il cielo notturno appunto, a causa dell'illuminazione esterna che, diffondendo le luci, crea un uniforme bagliore che consente di vedere con difficoltà soltanto le stelle più brillanti. Per vedere una volta celeste naturale occorre ormai andare lontano, in luoghi di montagna (alta, lontano dai paesi di villeggiatura) o di mare aperto.

Questa carenza ha anche un'altra conseguenza: un consumo inutile di elettricità. Infatti, adottando opportune lampade con configurazioni direzionali è possibile ridurre l'elettricità consumata per l'illuminazione dirigendo il flusso luminoso soltanto dove serve, ossia verso il basso. In tal modo si risparmia in bolletta e in consumi di energia elettrica.

Il problema viene affrontato anche da associazioni sorte per "tutelare" il cielo notturno, come Cielobuio.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In Italia si destina alla ricerca scientifica meno dell'1% del Prodotto Interno Lordo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

BlogItalia - La directory italiana dei blog

 

 

 

 

 

 

 

POLITICA
Restare al di sotto di due
3 dicembre 2019
L'umanità, che sta subendo le conseguenze dei cambiamenti climatici, deve scegliere tra la "speranza" di un mondo migliore agendo ora o 'la capitolazione' ". Sono queste le parole con cui il Segretario generale dell'Onu Antonio Guterres ha aperto la COP25 a Madrid (Conferenza delle Parti dei Paesi sottoscrittori della Convenzione Quadro delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici, che prese l'avvio a Rio de Janeiro nel 1992).  "Vogliamo davvero restare nella storia come generazione di struzzi, che passeggiava mentre il mondo bruciava?", ha aggiunto il segretario parlando davanti ai rappresentanti dei circa 200 paesi firmatari dell'accordo di Parigi, tra cui circa 40 capi di Stato e di governo. Si può ascoltare il suo intervento completo all'indirizzo web riportato in calce.
A Madrid si è riunito di nuovo il mondo per decidere cosa fare e come fare per salvare i sistemi naturali terrestri ormai profondamente alterati dagli impatti delle attività umane, sulla base degli accordi già definiti. Alterati al punto da mettere a rischio la Natura così come l'abbiamo conosciuta, e con essa la nostra stessa sopravvivenza. La Conferenza dell'ONU sul cambiamento climatico, in corso in questi giorni, è presieduta dal Cile ed ospitata dalla Spagna, dal 2 al 13 dicembre. La riunione ha lo scopo - come si legge sul sito - di stabilire il percorso da seguire nel futuro prossimo in relazione a quanto già deciso a Parigi nel dicembre 2015 e in tutte le altre tappe degli incontri internazionali svolti. Ci sarà anche una delegazione degli Stati Uniti, nonostante il ritiro dall'Accordo di Parigi della nazione più inquinante in termini pro-capite del mondo.

Ad ogni livello i segnali sono contrastanti. Mentre il Parlamento europeo dichiara lo stato di emergenza climatica, apprendiamo dall'Organizzazione Mondiale della Sanità che solo il 38% dei Paesi del mondo stanzia finanziamenti adeguati a mettere in pratica, anche solo parzialmente, la propria strategia di risposta alle modifiche climatiche, e meno del 10 % ha effettivamente impegnato risorse per attuarla (Rapporto '2018 WHO health and climate change survey report: tracking global progress', realizzato esaminando 101 Paesi). Mentre il 2019 si avvia ad essere il secondo anno più caldo della storia, ci informano che ogni italiano produce in media ogni anno 5 tonnellate e mezza di anidride carbonica, di cui oltre un terzo dai trasporti, un altro terzo dall'alimentazione e dai rifiuti, il resto dal riscaldamento (25%) ed illuminazione ed elettrodomestici (5%) (studio Vaillant e Università di Milano).
Secondo i dati più recenti il mondo si sta avviando verso un riscaldamento di oltre 3 gradi, superando i valori soglia stabiliti a Parigi, di 2° e possibilmente di 1,5°. 

Restare al di sotto dei 2 gradi di incremento della temperatura media globale, o di 1,5 °, richiede un cambiamento radicale. Questo è il principale problema. Abbiamo costruito uno sviluppo economico fortemente basato sull'accumulo di grandi capitali, sull'estrazione delle ricchezze contenute nei beni naturali, sullo sfruttamento di persone in condizioni di forti diseguaglianze sociali, sull'uso quasi acritico e amorale degli animali per ogni scopo umano, dagli allevamenti intensivi a scopo alimentare, alle pellicce, alla farmaceutica. 
Abbiamo trasformato il mondo ad uso e consumo, letteralmente, di ciò che fa comodo in un determinato momento o condizione di vita, e per fare questo utilizziamo le risorse necessarie senza chiederci nulla a proposito delle conseguenze. Una tecnologia comoda e a volte utile ma sostanzialmente superficiale per la maggior parte degli utilizzi come lo smartphone ha un successo enormemente superiore ai pannelli solari, tanto per dire, e viene sostituito da ciascun consumatore con la frequenza decisa dalle aziende produttrici che ne modificano l'appeal in breve tempo con gadget praticamente inutili (e nonostante il costo). Per far ciò consumiamo tonnellate di minerali rari, spesso estratti in miniere di Paesi in via di sviluppo che operano in condizioni indegne per i lavoratori, senza incidere minimamente sul cambiamento climatico che invece avrebbe bisogno di una maggior diffusione delle nuove tecnologie a basso impatto ambientale. Possiamo costruire le case passive, ed ora addirittura le case attive, che producono più di quanto consumano consentendo di alimentare le batterie di auto ed elettrodomestici, ma preferiamo investire i nostri soldi in auto di grossa cilindrata, in SUV che occupano l'intera carreggiata e consumano il triplo, per andare a fare la spesa, acquistando al supermercato la carne degli allevamenti intensivi imballata con tre pellicole di plastica e una vasca di polistirolo. Poi si fa ritorno a casa, quando il telegiornale ci parla delle microplastiche ormai ovunque, del clima, delle alluvioni, dell'inquinamento, del traffico, delle condizioni degli allevamenti, etc.

Questo per dire che la sfida va ben oltre il quotidiano, e che non l'abbiamo mai affrontata in passato. Si tratta di mettere in discussione il nostro modello di sviluppo, che comunque riguarda solo una parte dell'umanità, a partire dalle politiche energetiche, industriali, agricole, per finire allo stile di vita di tutti noi. Non è necessario privarsi di nulla, ma non è nemmeno possibile raggiungere tutto, principalmente perché il "tutto" va filtrato con le maglie della conoscenza. Non sarebbe auspicabile un ritorno al passato, e non sarebbe nemmeno un'ipotesi sostenibile con oltre 7 miliardi di persone sulla Terra; l'unica strada che abbiamo davanti è aperta sull'innovazione tecnologica a basso impatto ambientale e sulla consapevolezza della necessità di andare ad incidere sugli stili di vita.

L'umanità non ha mai prima d'ora dovuto affrontare un simile problema, dunque si tratta anche di una sfida del tutto nuova. Forse siamo impreparati. Non abbiamo nemmeno costruito nel tempo il bagaglio culturale che ci sarebbe utile ora:  tutto ciò che abbiamo risale sostanzialmente agli ultimi due secoli, quando non all'ultimo secolo. Nulla in confronto ai secoli, o millenni, di elaborazione sui temi storicamente legati alla condizione umana, o sulla scienza più tradizionale, o sull'economia, sulla politica. Siamo in una condizione nuova per due argomenti almeno, molto simili per la portata delle conseguenze: il riscaldamento globale con cambiamento climatico, e la presenza di armi e impianti nucleari. Entrambi ci danno - a noi umani - la possibilità di annientare la Terra con tutto ciò che contiene, inclusi noi stessi. Una responsabilità smisurata in rapporto ai parametri consueti.
Occorre costruire, e farlo in fretta, un'impalcatura concettuale, di valori di riferimento, di metodo e di azione che ci consenta di risolvere problemi che si profilano davvero di enormi dimensioni. In parte è già stata iniziata, ora è necessario portarla avanti e tentare (non si può fare altro) di applicarla al più presto.


Il sito della Convenzione Quadro delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici, UNFCCC:

https://unfccc.int/cop25

L'Intervento del Segretario generale ONU alla COP 25:

http://webtv.un.org/watch/antónio-guterres-un-secretary-general-at-pre-cop25-press-conference/6111130380001/


Per quanto riguarda il Partito Democratico, segnalo il testo del bell'intervento che Fabrizio Barca ha tenuto a Bologna il mese scorso, ricco di stimoli per riflettere:

https://www.partitodemocratico.it/partito/unitalia-giusta-e-solidale-perche-la-storia-va-una-direzione-opposta-e-come-invertire-le-cose/

sfoglia
novembre